Pubblicato il

Bracciano, continua l’ondata di demolizioni

Bracciano, continua l’ondata di demolizioni

Emesse nuove ordinanze per abbattere manufatti su lottizzazioni del comune. Termine di 90 giorni per i proprietari per ottenere il permesso in sanatoria

BRACCIANO – Non si arrestano le ordinanze di demolizione nel comune di Bracciano. La scia di provvedimenti era iniziata nel periodo di commissariamento e sembra proseguire, ora che vi è insediata una nuova amministrazione comunale.

Sarebbero state emesse la scorsa settimana due nuove ordinanze per la demolizione di manufatti. Non è chiaro a quali lottizzazioni facciano riferimento le due ordinanze, ma da quello che sembra entrambe richiamano ad accertamenti fatti dalla Polizia Locale e dal Corpo Forestale dello Stato – Comando Stazione Forestale di Manziana.

Anche le tipologie di abusi sono del tutto analoghe alle vecchie ordinanze. Nel primo caso si tratta di difformità alle concesisoni edilizie 106/1995 e variante 207/2000. I locali inizialmente destinati a studio e magazzino sarebbero invece divenuti un vero e proprio appartamento con cucina e bagni. Non vi sarebbe stato invece un ampliamento delle cubature.

Il secondo caso fa sempre riferimento al cambio di destinazione d’uso di acluni locali. L’accertamento sarebbe stato effettuato dalla polizia locale nel marzo scorso. In questo caso quella che doveva essere un’autorimessa era invece divenuta una vera e propria abitazione. In questo caso, differentemente dal precedente, ci sarebbe stato una modifica della sagoma per oltre il 10% in difformità sia della licenza edilizia che dell’istanza di sanatoria che era stata presentata dal proprietario dell’immobile. Per i proprietari sembra però essere ancora attuabile un’ultima sanatoria.

Infatti il responsabile del procedimento ha disposto un termine di novanta giorni per il quale il responsabile dell’abuso o l’attuale proprietario dell’immobile può ottenere il permesso in sanatoria, subordinatamente alla verifica puntuale conformità dell’intervento messo in atto.

ULTIME NEWS