Pubblicato il

''L’anima bella e sola di Biagio Tabacchini è volata in cielo''

''L’anima bella e sola di Biagio  Tabacchini è volata in cielo''

Folla per salutare il ragazzo che si è tolto la vita nel bosco di Manziana

LADISPOLI – «L’anima bella e sola di Biagio Tabacchini è volata in cielo», parole di consolazione nella delicata omelia di don Italo, già parroco della chiesa santa Maria del Rosario in via Duca degli Abruzzi a Ladispoli dove ieri pomeriggio si sono svolti i funerali del quarantaquattrenne morto suicida, venerdì scorso, nel bosco di Manziana. Frasi che risuonavano come balsamo per i cuori affranti dei genitori, dei parenti, degli amici, veramente tanti, venuti a salutare per l’ultima volta la vita spezzata da un colpo di pistola di Biagio, molto noto in città, una famiglia storica di Ladispoli, la sua edicola proprio in pieno centro, in piazza Rossellini, da giorni chiusa per lutto.

«Un gesto così inaspettato, terribile». Anche se ultimamente appariva più cupo, meno disponibile alla battuta. La sua sparizione, venerdì pomeriggio, il ritrovamento dell’auto, la sua ricerca, voci che si rincorrevano fine al tragico epilogo. «Dio mostraci la tua misericordia soprattutto nei confronti di questi due genitori distrutti dal dolore». Questo ha detto don Italo dall’altare accompagnato nella celebrazione della messa da Mons. Domenico Giannandrea, parroco a Cerenova. Tanti gli applausi all’interno della chiesa anche se per espressa volontà della famiglia sono stati vietati poi all’esterno nel momento in cui la bara è stata deposta all’interno della macchina che l’ha poi trasportata al cimitero per essere tumulata. Solo abbracci, sentiti e sinceri degli amici, dei parenti, scambiati anche con il sindaco Paliotta presente in prima fila che per ieri e oggi ha proclamalo il lutto cittadino. (Dan. Toz.)

ULTIME NEWS