Pubblicato il

Santa Severa, riaperto il lungomare

Santa Severa, riaperto il lungomare

Provvedimento del sindaco Bacheca per migliorare la viabilità tra il Pyrgi e via Cartagine. Intanto nei giorni scorsi una bimba ha rischiato di morire

di GIAMPIERO BALDI

 

SANTA MARINELLA – Continua l’emergenza viabilità sul Lungomare di Santa Severa.

Dopo l’episodio accaduto nel weekend quando una bambina di quattro anni, colpita da una crisi respiratoria, ha rischiato di morire perché l’ambulanza, prontamente intervenuta, è riuscita a fare manovra e a trasportare la ragazzina in ospedale grazie all’intervento dei Carabinieri, si torna a parlare dei problemi di viabilità e della mancanza di sicurezza nei casi di emergenza nella frazione.

Ieri mattina si è ripetuta la stessa scena, a seguito di un incidente in mare ad un bagnante che si è fratturato una spalla ed è stato necessario, anche per lui, la corsa in ospedale dell’ambulanza che, per uscire dal lungomare letteralmente preso d’assalto dalle auto in sosta in entrambe la carreggiate, ha dovuto far ricorso all’intervento dei militari dell’arma.

Questi episodi non dovrebbero però verificarsi più. In questi giorni, il sindaco Roberto Bacheca ha infatti firmato un’ordinanza con la quale viene riaperto al traffico veicolare e pedonale il tratto di strada compreso tra Lungomare Pyrgi e via Cartagine.

«Come tutte le stagioni estive – ha commentato il sindaco Roberto Bacheca – il territorio comunale subisce un notevole incremento di traffico, sia veicolare che pedonale, a seguito dell’afflusso turistico che si riversa all’interno della cittadina, ed in particolare presso la frazione di Santa Severa» «Tale situazione, – spiega il primo cittadino – sempre più spesso comporta il rallentamento dell’intera circolazione stradale, soprattutto nelle aree dove insistono le spiagge e le strutture balneari, come nel caso appunto di Lungomare Pyrgi».

«Si è reso necessario – aggiunge il Sindaco – dunque, per garantire la pubblica e privata incolumità, riaprire al transito veicolare il tratto che collega il Lungomare a via Cartagine, proprio per evitare situazioni di disagio legate alla viabilità e all’eventuale passaggio dei mezzi di soccorso». «La morfologia del lungomare – chiarisce Bacheca – stante quanto ribadito, in occasione di ingorghi di traffico causati dalla massiccia presenza turistica, può comportare durante la presenza di eventuali interventi di mezzi adibiti al soccorso o, comunque, di pronto intervento quali autoambulanze, vigili del fuoco, forze dell’ordine, l’impossibilità a prestare in maniera tempestiva e puntuale il soccorso o ad operare in merito alla salvaguardia della incolumità pubblica, con potenziale gravi ripercussioni per la popolazione tutta. Il tratto di strada, di proprietà della Regione Lazio, resterà aperto fino al 15 settembre». «In ultima analisi – conclude il Sindaco – relativamente alle questioni poste dalla rappresentante del Sindacato Italiano Balneari, vorrei specificare alla stessa, come ben sa, facendo parte da anni del sindacato balneari, che molte delle sue domande andrebbero girate alla Regione Lazio e non al Comune di Santa Marinella, che più volte ha intrapreso iter e progetti per risolvere problemi decennali dei quali poi, sistematicamente, se ne sono perse le tracce in Regione, vedi Piano degli Arenili e Piano della Costa». Ma un’altra polemica coinvolge i bagnanti. Quest’anno, infatti, non sono stati istituiti i bagnini nelle spiagge libere. «Per quanto riguarda questo problema – aggiunge il delegato al Demanio Damiano Gasparri – anche se con ritardo, dovuto a problemi burocratici, la giunta comunale ha già deliberato e individuato le spiagge sulle quali, entro qualche giorno, saranno operativi i bagnini di salvataggio, ovvero la spiaggia del castello di Santa Severa, la ex Colonia Marina e la spiaggia della “Toscana”».

ULTIME NEWS