Pubblicato il

Acqua a Bracciano, il M5s presenta una mozione

Gestione servizio idrico, morosità dei cittadini in difficoltà economiche. Il gruppo consiliare chiede l’apertura di un tavolo per la gestione dell’acqua pubblica

Gestione servizio idrico, morosità dei cittadini in difficoltà economiche. Il gruppo consiliare chiede l’apertura di un tavolo per la gestione dell’acqua pubblica

BRACCIANO – Il gruppo consiliare Movimento 5 stelle ha presentato una mozione sulla gestione del servizio idrico nella tutela dei cittadini in difficoltà economica.

«Il Comune di Bracciano – scrive il gruppo consiliare – si è sempre dimostrato sensibile verso i disagi sociali delle famiglie in difficoltà e anche in casi eccezionali di morosità, quando ha potuto, si è prodigato nel tamponare le emergenze».

«In questo periodo purtroppo – continuano i consiglieri – il perdurare e l’aggravarsi della crisi economica coinvolge un numero sempre maggiore di persone che, dall’oggi al domani, si trovano senza un lavoro ed uno stipendio. Questa è una nuova categoria di cittadini che, non sono le famiglie in difficoltà già individuate ed assistite dall’amministrazione comunale ma le emergenze improvvise di cui magari l’amministrazione non è a conoscenza e che quindi deve approfondire».

«Prima di arrivare ad un probabile interruzione di pubblico servizio e rischio sanitario, per quei cittadini con morosità incolpevole – scrivono i consiglieri – il MoVimento 5 stelle di Bracciano, presenta una Mozione chiedendo al sindaco di intervenire con un atto politico che abbia efficacia sulla questione dei futuri distacchi idrici per morosità, affinché Acea Ato 2 cessi una pratica lesiva di un diritto umano; di attivarsi affinché sia difeso e garantito l’approvvigionamento idrico e tutelato il diritto all’acqua, a ciascun cliente Acea Ato 2 residente nel Comune di Bracciano; di impegnarsi per l’individuazione di un metodo per la tutela delle morosità incolpevoli, attraverso la costituzione di un fondo dedicato, gestito tramite apposito regolamento;

a chiedere formalmente al gestore la modifica della carta dei servizi e del regolamento del Servizio Idrico Integrato, chiedendo che sia chiaramente specificato che non si procederà al distacco della fornitura nel caso di morosità incolpevole;

all’apertura di un tavolo istituzionale che si ponga l’obiettivo di avviare un confronto rigoroso con i cittadini e i comitati per l’acqua pubblica e sul futuro di Acea Ato2».

ULTIME NEWS