Pubblicato il

Rosati (Pd): ''Solidarietà e sostegno al presidente Blasi"

Rosati (Pd): ''Solidarietà e sostegno al presidente Blasi"

La questione approderà al prossimo direttivo subito dopo ferragosto

TARQUINIA – Una volontà già accennata nel direttivo di venerdì, in fase di chiusura. Con tanto di invito, da parte dei suoi ( il Pd), a riflettere e a ragionare bene sulla decisione. Poi una riunione dei capigruppo e delle segreterie per discutere dei tanti temi sul tavolo, come per esempio la maggioranza andata sotto sulla questione migranti. Ma nel frattempo la conferma, convinta, di voler procedere e formalizzare le dimissioni lunedì. E’ nata così la decisione del numero uno di via Garibaldi di fare un passo indietro nella guida dell’Università Agraria di Tarquinia, dopo nove mesi in cui Alberto Blasi in molti casi è apparso costretto a remare contro corrente, faticando il doppio del dovuto. Il Partito democratico non ha ancora discusso al direttivo le dimissioni del presidente Blasi, pertanto per una posizione ufficiale dei democrat bisognerà attendere dopo ferragosto. Intanto però il segretario Piero Rosati non fa mancare un messaggio di piena solidarietà e sostegno al presidente, per «la fatica che Blasi ha dovuto sostenere nel tenere in piedi questa maggioranza. Ci sono stati tanti episodi che avrebbero convinto chiunque altro a presentare le dimissioni già molto prima. Nei prossimi giorni valuteremo la situazione». «Se c’è un’amministrazione coesa – analizza Rosati – dove si condividono gli intenti, i debiti si affrontano e si gestiscono. Certo è che oggi l’ente non può permettersi più spese pazze e pertanto è evidente che i prossimi anni saranno anni difficili per l’amministrazione dell’Agraria. Ma responsabilmente di questa cosa Alberto se ne è fatto subito carico. E ha cercato di farlo capire a tutta la maggioranza». La questione migranti resta uno dei tanti episodi che hanno fatto traboccare un vaso pieno. La verità è che è stata tutta una difficoltà per il presidente Blasi, «dalla nomina delle deleghe ad una commissione che non riesce a produrre un documento congiunto, al di là del merito specifico dell’argomento».

ULTIME NEWS