Pubblicato il

De Carolis, appicca il fuoco e poi aggredisce un poliziotto: arrestato

Si tratta di un 31enne del Ciad che bivaccava nella caserma dismessa

Si tratta di un 31enne del Ciad che bivaccava nella caserma dismessa

CIVITAVECCHIA – Nella mattinata di ieri, gli Agenti del Commissariato di Civitavecchia, hanno tratto in arresto un 31enne pluripregiudicato originario del CIAD, responsabile di incendio doloso, minacce, resistenza e violenza a pubblico ufficiale ed, altresì, denunciato in stato di libertà per essersi abusivamente introdotto in terreno pubblico.
Verso le ore 10.40, una volante del Commissariato veniva inviata presso la Caserma De Carolis in Via Braccianese Claudia, dove i Vigili del Fuoco intenti a domare un incendio che stava assumendo proporzioni pericolose, avevano segnalato un giovane immigrato che ostacolava le operazioni di spegnimento. Una volta giunti sul posto, gli agenti avvicinavano l’uomo segnalato che, mostrandosi riluttante ai ripetuti inviti ad allontanarsi per ragioni di sicurezza, confermava di essere stato lui ad appiccare il fuoco, volendo bonificare l’area dalle zanzare e, nel contempo, ripulendo la zona della dismessa caserma dell’Esercito dove aveva ricavato un bivacco.
L’uomo, mostratosi da subito arrogante ed insofferente agli inviti degli operanti, veniva finalmente persuaso a seguirli in Ufficio allo scopo di verificare la legittimità della propria posizione sul territorio nazionale e, una volta in Commissariato, minacciava pesantemente i poliziotti, prendendone di mira uno in particolare. Durante le fasi di controllo, il giovane, in preda ad un evidente stato di alterazione, dava in escandescenze, minacciando nuovamente i poliziotti e tentando vanamente di fuggire guadagnando l’uscita, venendo prontamente bloccato dagli agenti con i quali ingaggiava una violenta colluttazione, tanto che, per i postumi dei colpi ricevuti, un agente doveva ricorrere alle cure mediche presso il Pronto Soccorso.
Una volta posto in condizioni di sicurezza, l’uomo veniva dichiarato in arresto e condotto presso la Casa Circondariale, Nuovo Complesso “Aurelia”, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

ULTIME NEWS