Pubblicato il

Rapina alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata: bottino da circa 100mila euro

I malviventi armati di taglierino si sono fatti consegnare i soldi e hanno chiuso i dipendenti dell’istituto di credito di via Roma in una stanza. Sul posto è arrivata la Polizia che ha subito avviato le indagini e disposto posti di blocco su tutto il territorio

I malviventi armati di taglierino si sono fatti consegnare i soldi e hanno chiuso i dipendenti dell’istituto di credito di via Roma in una stanza. Sul posto è arrivata la Polizia che ha subito avviato le indagini e disposto posti di blocco su tutto il territorio

CIVITAVECCHIA – Un colpo pulito, di quelli che si vedono nei film, dove in due entrano in una banca e la ripuliscono con tanti saluti, senza neppure far scattare l’allarme. La rapina messa a segno intorno alle 17 di oggi alla Banca Popolare di Puglia e Basilicata, ha tutte le caratteristiche del colpo perfetto: orario insolito, tanti soldi conservati in quel momento all’istituto di credito, nessun ferito. Solo tanta paura. E la fuga – probabilmente a piedi – per raggiugere sicuramente un mezzo lasciato poco distante. Tutto è accaduto in poco tempo: Intorno alle 17 due malviventi dal marcato accento meridionale sono riusciti ad entrare nella banca di via Roma, approfittando probabilmente dei momenti concitati legati alla chiusura dell’istituto di credito. All’interno si sono presentati in due, uno indossava un giubbotto rifrangente di quelli in uso agli organismi di soccorso, l’altro abiti casual. Neppure il tempo delle presentazioni e i due malviventi hanno estratto i taglierini, facendosi consegnare dai bancari tutti i soldi contenuti in cassaforte. Un bottino ingente, che potrebbe raggiungere i 100mila euro, spariti nel nulla insieme ai rapinatori. Prima di allontanarsi dalla banca tuttavia i due hanno invitato i dipendenti a raggiungere una delle stanze interne, dove li hanno stipati per guadagnarsi la fuga. L’allarme è scattato dopo pochissimo tempo, tanto che sul posto si sono precipitati gli agenti del commissariato di viale della Vittoria che hanno avviato subito le indagini. I poliziotti del dottor Giovanni Lucchesi hanno immediatamente disposto dei posti di controllo su tutta l’area nel tentativo di fare terra bruciata intorno ai malviventi. Non è esclusa la presenta all’esterno di un terzo uomo che potrebbe aver fatto da palo. Gli agenti della Polizia hanno già acquisito le immagini delle telecamere interne della banca e in queste ore li stanno visionando ed analizzando nel tentativo di dare un nome entro poche ore ai rapinatori. Secondo indiscrezioni ci sarebbero validi indizi per risalire in breve tempo all’identità dei malviventi, che questa volta hanno portato a termine un lavoro pulito. Un episodio che inevitabilmente richiama alla mente un’altra rapina, quella messa a segno cinque anni fa a corso Centocelle. Anche in quell’occasione in due attesero l’uscita dei clienti di Banca Etruria, prima di raggiungere gli sportelli dell’istituto ed impossessarsi di circa 700mila euro con una calma tipica dei professionisti del crimine, per poi allontanarsi senza lasciare tracce.

ULTIME NEWS