Pubblicato il

Ladispoli, cinquanta loculi per Cerveteri

Ladispoli, cinquanta loculi per Cerveteri

LADISPOLI – Il sindaco Crescenzo Paliotta avrebbe firmato nel tardo pomeriggio di ieri un’ordinanza per mettere a disposizione della città di Cerveteri 50 loculi per tamponare l’emergenza in corso. Sembra infatti che, a causa di ritardi che il vicesindaco Giuseppe Zito ha imputato al Genio Civile Regionale,  il Comune si è visto costretto a fermare l’avvio dei lavori per la realizzazione di nuovi loculi al cimitero del Sasso.
Nei giorni scorsi si sono tenuti degli incontri tra i due comuni per capire come risolvere un problema non di poco conto. Ladispoli ha da subito dimostrato apertura nel venire incontro all’emergenza ed il passaggio formale è ormai stato firmato. Ora per i defunti cerveterani ci sono a disposizione 50 loculi a Ladispoli, ma non è detto che questa concessione possa essere ulteriormente ampliata qualora i posti finiscano prima della conclusione dei lavori al Sasso.
Nel frattempo la soluzione trovata non evita alcuni disagi ed alcune questioni ancora non chiare. 
Infatti i costi per i servizi cimiteriali a Cerveteri e Ladispoli non sono gli stessi. 
A Ladispoli un loculo infatti costa di più rispetto a Cerveteri e quindi chi dovrà tumulare un defunto in questo periodo si trova in situazione di svantaggio.
La situazione dovrebbe però, sempre per bocca del vicesindaco Zito, tornare alla normalità entro la fine dell’anno. A novembre infatti dovrebbero essere ultimati 88 loculi al Sasso.
Nel frattempo la politica cerveterana si trova a discutere su come trovare una soluzione di più ampio respiro che annulli l’emergenza. 
Il comune nei mesi scorsi avrebbe sottoscritto un accordo in project financing per la ditta Sara ‘94, la stessa che al momento ha in corso un analogo  servizio nel comune di Ladispoli. Il nuovo cimitero dovrà realizzarsi in zona Due Casette.
In consiglio comunale comunale comunque il tema cimiteri aveva acceso gli animi della politica. Il comune infatti aveva approvato una delibera per ridurre i tempi di tumulazione dei defunti. Questo dovrebbe portare  nel tempo alla liberazione di numerosi loculi, occupati da salme di persone defunte ormai da diversi decenni. 
Sulla delibera fortemente critico era stato il capogruppo Pd Carmelo Travaglia.

ULTIME NEWS