Pubblicato il

Ladispoli: aumentano i i costi per la differenziata al cimitero

Ladispoli: aumentano i i costi per la differenziata al cimitero

 LADISPOLI – Più volte si è parlato della vicenda dei costi della raccolta differenziata nel cimitero comunale di Ladispoli. Una spesa anacronistica considerando che la ditta che ha in gestione il cimitero comunale sarebbe l’unica a percepire una ingente somma, quasi 6.000 al mese, per effettuare la differenziazione dei rifiuti all’interno del cimitero.

La differenziata infatti è ormai obbligatoria per tutti gli abitanti e le società di Ladispoli naturalmente non possono rivalersi nei confronti del comune per l’innegabile aggravio di costi e tempo che il dividere i rifiuti comporta.

Così non è per la Sara ’94 che dal 2005 ha un accordo per la gestione del cimitero comunale. La ditta infatti ha preteso ed ottenuto dall’avvio della raccolta differenziata una quota per l’ulteriore lavoro di dividere i rifiuti del cimitero.

La Sara ‘94 non è l’unica ditta che opera per il comune e che dall’entrata in vigore della differenziata ha naturalmente maggiori costi. Basti pensare ad esempio alla ditta che prepara i pasti per le mense scolastiche, che ogni giorno produce diversi prodotti da differenziare, prodotti anche più vari come tipologia rispetto a quelli prodotti in un cimitero. A queste naturalmente non viene riconosciuto nulla.

Ma l’anomalia non sembra finita qui. Emerge infatti che questo importo è suscettibile di ritocco qualora si riscontri un aumento della quantità di rifiuti da differenziare.

E questo ritocco sembra esserci stato, al rialzo.

L’amministrazione infatti per il 2016 ha aumentato la cifra riconosciuta alla Sara ‘94 passando da poco meno di 5.000 euro a 6.000. Dell’aumento però se ne è venuti a conoscenza solo in questi giorni, quando il dirigente ha stanziato ulteriori 12.000 euro alla Sara ‘94, cifra che si aggiunge alle 60.000 euro che la giunta aveva impegnato negli ultimi giorni del 2015 in vista del 2016. Nonostante però l’aumento sia stato stanziato in questi giorni la Sara ‘94 già dal primo gennaio 2016 percepiva un importo mensile già maggiorato di 1.000 euro di cui lo stanziamento è stato fatto soltanto ad agosto, forse in virtù del fatto che ora il comune dispone delle poste in bilancio approvate in sede di previsione 2016.

Ora questo, che potrebbe sembrare un privilegio, potrebbe costare caro ai cittadini di Ladispoli considerando che questa cifra sarà erogata non solo nel 2016, ma addirittura fino alla fine dell’accordo per la gestione del cimitero che sarebbe fissata nel 2040.

Mancherebbero quindi ancora 23 anni di erogazione di una quota di 70.000 pari a circa 1,6 milioni di euro, soldi che verranno pagati per effettuare la raccolta differenziata. Nel 2030, quando ormai una generazione intera non saprà nemmeno che una volta i rifiuti si potessero gettare in maniera indifferenziata, chi spiegherà loro che qualcuno è pagato per dividere carta, vetro, plastica, umido e indifferenziato secco? 

ULTIME NEWS