Pubblicato il

Civitavecchia. Crisi Tirreno Power, il Pd rilancia il patto per lo sviluppo e l'occupazione

Civitavecchia. Crisi Tirreno Power, il Pd rilancia il patto per lo sviluppo e l'occupazione

CIVITAVECCHIA – Anche il partito democratico analizza la pesante vertenza che interessa l’impianto di Torre Sud, con Tirreno Power decisa a perseguire la strada della mobilità obbligatoria per circa il 50% del personale attualmente impiegato. E lo fa criticando l’attuale amministrazione comunale e richiamando alle proprie responsabilità istituzioni come la Regione Lazio, il cui intervento oggi deve essere incisivo. 

“Ora avremmo necessità di avere un governo cittadino forte ed autorevole, in grado di indicare vie da percorrere al fine di trovare soluzioni ai problemi che mordono la carne viva delle persone – hanno spiegato il segretario Enrico Leopardo ed il coordinatore del gruppo sul Lavoro Dario Bertolo – perdere il proprio posto di lavoro è un dramma individuale e sociale intollerabile. Questo e non altro dovrebbe essere il principale problema sul quale cimentare le proprie energie e passioni civili. Questo è il terreno sul quale servirebbero le competenze, le capacità amministrative e politiche. Questo è il terreno sul quale purtroppo i lavoratori della nostra città – hanno aggiunto – rischiano di pagare un prezzo elevato alla inconcludente e dilettantistica gestione della amministrazione cittadina”.

Secondo il Pd l’attuale amministrazione ha da sempre peccato nella mancanza di una vera attenzione rivolta al tessuto economico e sociale della città, “è mancato un riferimento per eventuali negoziati e per aiutare la tessitura di quei rapporti indispensabili – hanno spiegato i due esponenti del partito – ad affrontare le situazioni di crisi occupazionale. Così come è mancata una visione strategica dello sviluppo che ponesse le basi per costruire le possibili alternative alle prevedibili crisi in diversi settori, non ultimo quello energetico”.

Accanto alla solidarietà rivolta verso tutti i lavoratori e le loro famiglie, il Pd lancia l’idea di una comunità “che sappia unirsi e che sappia aprire una interlocuzione con gli attori sociali e istituzionali per portare al tavolo della discussione e della trattativa le parti chiedendo – hanno ribadito Leopardo e Bartolo – di ritirare ogni iniziativa unilaterale. Opportuno l’impegno della Regione Lazio che può offrire una sede per la ricerca di tutte le strade utili a evitare la riduzioni di posti di lavoro su un territorio già sufficientemente tormentato. In particolare la situazione della centrale di Tvs, ma anche quella di altre vertenze, dovrebbe essere l’occasione per un “patto per lo sviluppo e l’occupazione” che veda la città, con forza e spirito solidale, opporsi ad ogni ipotesi di licenziamento. La città, assieme alle organizzazioni sindacali e agli altri livelli istituzionali – hanno concluso – deve avere la forza di imporre a chi ha realizzato negli anni grandi profitti sul territorio di farsi carico di trovare soluzioni dignitose che non lascino il territorio ad affrontare drammi sociali in perfetta solitudine”.

ULTIME NEWS