Pubblicato il

Civitavecchia, Savignani: "La mia compagna non percepirà un euro"

Civitavecchia, Savignani: "La mia compagna non percepirà un euro"

L’assessore alle partecipate si difende dalle accuse su Hcs dei giorni scorsi e minaccia querele

CIVITAVECCHIA – “La mia compagna non ha percepito, né percepirà, un euro”.

È la risposta dell’assessore alle partecipate, Marco Savignani, che si difende e minaccia querele riguardo le accuse dei giorni precedenti riguardo  alcune vicende legate ad Hcs.

“In primo luogo – prosegue Savignani – non è assolutamente vero che si è passati da 23 milioni di perdite a 40. Abbiamo già più volte chiarito che il precedente concordato per 23 milioni riguardava la sola Hcs mentre qui si sta parlando dei debiti accumulati negli anni passati da tutte e 4 le società partecipate. Non corrisponde al vero – aggiunge – che è stata presentata in Tribunale una richiesta di proroga di trenta giorni per la proposta di pagamento dei creditori. Non corrisponde al vero – spiega – la circostanza secondo cui sarebbero state pagate, o siano previste, 417mila euro di consulenze. Le spese sostenute per le attività strettamente necessaria all’elaborazione e presentazione dei piani (legale, attestatore, perizie, ecc.) ammontano a circa centomila euro. Quanto alle spese per il funzionamento – ha concluso l’assessore – degli organi della procedura queste saranno valutate ed eventualmente autorizzate dal Tribunale”.

ULTIME NEWS