Pubblicato il

Acqua potabile, si apre uno spiraglio

Acqua potabile, si apre uno spiraglio

Aranova. Il presidente dell'associazione ''Crescere Insieme'' Roberto Severini: "Portiamo a casa la prima vittoria". Ma resta il problema estivo

ARANOVA – E tra le tante problematiche che affliggono Aranova, la questione dell’acqua potabile è un tema ormai tristemente noto. “Purtroppo il problema acqua ad Aranova è grave. Nel 2016 ci sono ancora intere zone senza acqua corrente e fogne”. A parlare è Roberto Severini, presidente dell’associazione Crescere Insieme, che da anni si batte per trovare una soluzione a questo disagio, dando voce alle proteste dei cittadini.
“Ogni cosa per quelle famiglie diventa un’avventura – prosegue Severini – cucinare, farsi una doccia, lavare i panni. Cose per noi all’apparenza banali diventano una continua vittoria. Oggi dopo tanto tempo siamo vicini a un primo grandissimo risultato. Con Acea e l’attuale amministrazione comunale abbiamo lavorato per portare questo servizio nella zona maggiormente penalizzata, quella di Castiglione. L’area di cantiere è pronta, ora si attendono a breve i lavori. Abbiamo raccolto diverse domande di allaccio all’acqua che consegneremo all’amministrazione e all’Acea non appena i lavori saranno terminati”. 
I problemi però non si esauriscono alla sola zona di Castiglione. Rimane la questione della pressione bassa che si riscontra ogni volta nei periodi estivi. 
“L’acqua diventa praticamente inesistente – spiega Severini – e anche qui tocca ogni volta organizzarsi con bacinelle e secchi. Abbiamo avviato dei contatti con l’amministrazione e Acea e fatto da tramite per installare un serbatoio su un’area privata che verrebbe ceduta per il posizionamento di questa infrastruttura. 
Un modo per risolvere il problema una volta per tutte. Rimane poi da intervenire sulla zona di via Genoni e via Valleverde. Anche lì le fogne sono ancora una chimera. 
Abbiamo però parlato con Acea e amministrazione e ci sono buone sensazioni. Intanto ci portiamo a casa la prima vittoria. Poi cominceremo a tampinare gli enti fino a quando i servizi ad Aranova non saranno degni”.

ULTIME NEWS