Pubblicato il

La banca al cliente: "Ci deve 1,36 euro, regoli il tutto o adiremo le vie legali". E spende anche i soldi per la raccomandata

La banca al cliente: "Ci deve 1,36 euro, regoli il tutto o adiremo le vie legali". E spende anche i soldi per la raccomandata

CIVITAVECCHIA – «Siamo a comunicarVi il nostro recesso dal contratto in oggetto per giustificato motivo, costituito da anomalo andamento del conto». Questa la comunicazione con la quale un istituto di credito si è rivolto ad un cliente civitavecchiese, ‘‘colpevole’’ di aver conservato un conto in banca aperto, con pochi euro e senza utilizzarlo. E fino a qui la cosa potrebbe anche andare, dal momento che le clausole contrattuali parlano chiaro. La banca però nella sua comunicazione aggiunge dell’altro: «Vi significhiamo che il conto in oggetto presenta un saldo debitore di euro 1.36. Vi invitiamo quindi a provvedere entro e non oltre dieci giorni dalla ricezione della presente al versamento della citata somma oltre a spese, commissioni ed interessi, dovendo in difetto questa banca adire la competente autorità giudiziaria per il recupero di quanto dovuto». È accaduto davvero: l’istituto di credito che minaccia azioni legali per recuperare 1,36 euro, spendendo tra l’altra anche i soldi per la raccomandata con la quale ha raggiunto il cliente.  Il destinatario della richiesta, ovviamente ha sorriso, provvedendo a regolare i conti immediatamente, ma l’atteggiamento del mittente non stupisce più di tanto e porta la gente a confermare ancora una volta la diffidenza nei confronti delle banche.

ULTIME NEWS