Pubblicato il

Premio Cuffaro per Annibali, Murru e Bernardini

Premio Cuffaro per Annibali, Murru e Bernardini

Quaranta ragazzi si sono misurati su argomenti di attualità

S. MARINELLA – Claudia Anniballi e Valentino Murru della scuola media Giosuè Carducci e Alessio Bernardini del Liceo classico Guglielmotti si sono aggiudicati l’annuale edizione del premio “Ferdinando Cuffaro”, rivolto agli studenti di Santa Marinella, giunto alla sua 8^ edizione. Alla cerimonia di premiazione, svoltasi presso la sala conferenze della Chiesa del Carmelo, erano presenti la dottoressa Maria Teresa d’Ippolito, vedova del Notaio Ferdinando Cuffaro, l’assessore ai Servizi bibliotecari Marcella Alfè, l’assessore alla Pubblica istruzione Rosanna Cucciniello e il vicesindaco Raffaele Bronzolino. La commissione appositamente riunita, composta dalla dottoressa Maria Teresa d’Ippolito, dal professor Luciano Pranzetti, dalle professoresse Maria Zeno, Maria Rosaria De Marco, Anna Maria Nelli, Anna Maria D’Ippolito e dalla signora Marina Fiorucci, ha stabilito i punteggi in base agli scritti presentati dagli studenti, relativi a tre tracce specifiche. Il tema dell’immigrazione, il rapporto e la convivenza con la nuova tecnologia ed infine i neologismi ingleseggianti, svolti lo scorso 10 settembre presso la biblioteca comunale “Alessandro Capotosti”. «Anche quest’anno – dichiara l’assessore Alfè – i ragazzi di S. Marinella, circa una quarantina, hanno avuto l’opportunità di concorrere e misurarsi su argomenti di stretta attualità socio-culturale, esprimendo il loro punto di vista e dimostrando conoscenza e sensibilità relativamente ai temi prescelti». «Ringrazio la dottoressa d’Ippolito – conclude la Alfè – per la rinnovata edizione del premio, divenuto ormai un punto di riferimento sociale e culturale per la città di Santa Marinella». «Mi associo ai ringraziamenti alla dottoressa d’Ippolito – aggiunge l’assessore alla Pubblica istruzione Rosanna Cucciniello – che ormai da otto anni consente ai ragazzi più lodevoli del territorio di partecipare a questo importante concorso attraverso l’assegnazione di una borsa di studio. Sono convinta che, anno dopo anno, il premio sarà sempre più significativo e partecipato». (Gi.Ba.)

ULTIME NEWS