Pubblicato il

Nasce Moderati per Cerveteri

Nasce Moderati per Cerveteri

Arrivano manifesto programmatico e simbolo della neonata lista civica, mix di esperienza e nuove energie. I portavoce Francesco Di Giancamillo, imprenditore, e Niccolò Accardo, ex dirigente scolastico, sono la sintesi di due diversi orientamenti culturali. «Mai contro qualcuno ma sempre per una città migliore»

di TONI MORETTI

CERVETERI – Fino a ieri, nello scenario dei movimenti che le varie forze politiche facevano con incontri, cene, in pizzeria e in case private, per imbastire come sarti provetti l’abito giusto per presentarsi alle elezioni con cuciture robuste che impedissero lo strappo delle braghe alla prima flessione tattica, si poteva dire con assoluta cognizione di causa, che in questi incontri aleggiava un fantasma, i moderati. Viste le vicissitudini di tutti i partiti, che vedeva a destra una radicalizzazione concettuale forte imposta da Salvini e a sinistra una deriva orientata al moderatismo imperniata sulla posizione di Renzi che “predica” il concetto  di una nuova sinistra verso il quale le reazioni di chi fu radicale, sono sfumate e poco incisive, i moderati, identitariamente, apparivano come un ectoplasma, difficili da identificare ma pronti ad essere arbitrariamente “svenduti” da chiunque credeva o millantava, per esperienze passate, di poterli possedere. Ma fortunatamente per la politica, attaccata com’è dal morbo qualunquista e manipolatorio di chi riesce sotto un cielo stellato a nascondere vezzi tra i più vecchi e desueti, incapacità evidenti  a rimarcare mancanza di cultura politica, c’è chi la sa fare pur rimanendo nel back-stage e ieri arriva il comunicato che è il manifesto, con un nuovo simbolo di una nuova lista civica denominata : Moderati per Cerveteri.
«Un nuovo simbolo e molta voglia di rinnovare la politica cittadina con un programma essenziale e mirato per il territorio –  Esordiscono –  Questo in sintesi il progetto dei Moderati per Cerveteri che si propongono come lista civica e stanno già lavorando per la prossima tornata elettorale proponendo l’anteprima del nuovo logo. I portavoce di questo movimento di idee sono l’ex dirigente scolastico Niccolò Accardo e l’imprenditore Francesco di Giancamillo che dall’alto di due diverse esperienze culturali e due percorsi di vita differenti sono riusciti a coinvolgere intorno ad una idea di rinascita cittadina ,un gruppo di personalità della società civile che abbiano dimostrato onestà e trasparenza e vogliano spendere energie per dedicarsi a migliorare la città. L’impegno dei moderati, ad un anno dalle elezioni, è quello di raccogliere indicazioni, proposte e suggerimenti dei cittadini su un progetto politico condiviso. Tutte le segnalazioni fatte  all’indirizzo mail [email protected] avranno una risposta. I punti nodali sui quali i Moderati vogliono focalizzarsi sono sicuramente quelli del rispetto dell’ambiente e del contribuente. Infatti nella sezione del programma dedicata all’ambiente e al ciclo dei rifiuti è ben esplicitata la doverosa ottimizzazione della raccolta differenziata e del rimborso ai cittadini delle somme già erogate per servizi non effettuati. Inoltre molta attenzione sarà rivolta alle politiche del lavoro al sostegno delle piccole imprese e alla valorizzazione del territorio. Insomma i Moderati hanno le idee chiare e sono dalla parte del cittadino e della città, come recita lo slogan che hanno scelto: Mai contro qualcuno, ma per una Cerveteri migliore».
Nulla da dire sugli intenti, si nota un’apertura alla novità e al rinnovamento che si evincerà in forma più diretta quando, dall’esame dei componenti la lista si potrà vedere quanta è stata la voglia di rinnovarsi e quanto “moderato” sia il mix lasciato intendere tra esperienza e energie nuove. Intanto, per valutare da subito la forza reattiva, coinvolgiamo uno dei due portavoce, il professore Accardo, in un tema che si dibatte da alcuni giorni: la riunificazione dei comuni di Cerveteri e Ladispoli. «La nostra posizione –  dice Accardo – si può riassumere affermando che è una ipotesi interessante fermo restando alle problematiche che potranno emergere ed emergeranno. Senz’altro è una ipotesi di sviluppo che interesserà sia Cerveteri che Ladispoli, si pensi all’unificazione dei servizi. Ma sono valutazioni che dovremo fare tutti quanti, insieme in un contesto unitario e successivamente nonché tassativamente chiedere consulto ai cittadini». Lo slogan che hanno scelto: “Mai contro qualcuno ma per una Cerveteri migliore”, impediranno una seconda fase che sarà un tentativo di accaparramento. In quello slogan è esplicito, fino a prova contraria, che i moderati per Cerveteri sono al centro e non possono essere etichettati  e a priori collocati, nel centro-destra o nel centro-sinistra. Andranno dove vedranno sia, a torto o a ragione, un miglioramento della città.

ULTIME NEWS