Pubblicato il

"Chi sono i miei amici? Nessuno", il compito di un bimbo di 11 anni commuove il web

"Chi sono i miei amici? Nessuno", il compito di un bimbo di 11 anni commuove il web

ROMA – Christopher è un bambino di 11 anni. Vive nel New Jersey, adora la pizza, giocare a calcio e sogna di diventare insegnante. Nella sua storia non ci sarebbe niente di strano, non fosse per l’assenza di qualcuno di fondamentale nella sua vita: un amico su cui contare. A confessarlo è stato il bambino stesso, che in un compito in classe, alla domanda ‘Chi sono i toui amici?’, ha risposto ‘Nessuno’. E così il padre di Christopher, Bob Cornelius, ha deciso di condividere l’immagine del test su Facebook, commuovendo con la sua storia centinaia di utenti.

Christopher, il minore dei miei figli, è autistico – scrive il padre su Facebook – E’ molto intelligente e ha il senso dell’umorismo. Chiunque lo incontri ne è affascinato. Tuttavia, per attirare l’attenzione, spesso sbatte le braccia e inizia a far rumore, oppure, di tanto in tanto emette suoni gutturali. Attira molta attenzione in pubblico, e se non ci si è abituati è normale sentirsi in imbarazzo. Fa la stessa domanda cinquanta volte in poco tempo (le ultime sono ‘A che ora vai a letto?’ e ‘Qual è il tuo indirizzo?’). Alla fine della giornata si prova compassione, empatia e comprensione”.

“Ma soprattutto empatia – prosegue il papà di Christopher – Per quel che ne so, i compagni di classe di mio figlio non sono mai stati crudeli con lui, tranne una volta. Quello che hanno fatto, però, è stato escluderlo. E francamente, lo capisco. Prima di leggere il suo compito non sapevo che si sentisse così, perché non parla spesso dei suoi compagni. Ma quella parola, ‘Nessuno’, non mi ha mai ferito così tanto”.

“Per questo – conclude Bob, indirizzandosi ai genitori dei bambini – per la prima volta, vi chiedo due favori: il primo è condividere questo post sulla vostra bacheca. Il secondo è parlare con i vostri bambini. Insegnategli l’empatia e mostrategli il video del giocatore di football della Florida (qualche settimana fa, un giocatore americano era stato ripreso mentre si sedeva accanto a un bambino autistico che era stato lasciato solo al tavolo della mensa, ndr). Il web è pieno di storie come questa che possono aiutarli a capire quanto sia bello includere tra loro i bambini che sono un po’ diversi. E intendo tutti i bambini, non solo quelli diagnosticati come autistici”.

A giudicare dalla quantità di lettere e regali ricevuti, sembra che la rete abbia ascoltato la richiesta di Bob. Oltre a condividere la storia del piccolo Christopher, sono stati tantissimi gli utenti che hanno voluto inviare al bambino e a suo padre centinaia di doni, cartoline e disegni per dimostrarli la loro solidarietà e dirgli che là fuori, nel mondo, Christopher può sempre contare su un amico. (Adnkronos)

 

ULTIME NEWS