Pubblicato il

Santa Marinella. C’è la chiesa, ma il sacerdote no

Santa Marinella. C’è la chiesa, ma il sacerdote no

I residenti di Prato del Mare reclamano un parroco. «Culto solo il sabato sera e la domenica. Dell’oratorio nessuna traccia»

SANTA MARINELLA – I fedeli che frequentano e risiedono nel bellissimo quartiere di Prato del Mare si lamentano per l’impossibilità di entrare nella chiesa che è stata appositamente costruita per loro, per l’assenza di sacerdoti durante la settimana. «Infatti – dice il portavoce dei residenti Pietro Lanzafame – la nostra bella chiesa è aperta al culto solo per le messe del sabato sera e della domenica sera. Dell’oratorio nessuna traccia. I ragazzi, i bambini e gli anziani che gradirebbero passare qualche ora di svago in un parco attrezzato, che solo una chiesa può dare, sono costretti ad arrangiarsi con quello che passa il “convento”, oppure devono andare altrove. Di eventi religiosi neanche a parlarne. Solo lo scorso anno, quando è stata portata una statua, si è tenuto un concerto poi nulla più. Intorno al luogo di culto ci sono solo arbusti ed erbacce che ne fanno un posto degradato”.

“Qual è la morale su ciò che ho appena detto? – si domanda Lanzafame – la bellezza da queste parti non passa. Eppure siamo il quartiere più nuovo e moderno di Santa Marinella. Fioriere non curate, piante non tagliate, erba da tutte le parti. C’è un solo giardiniere che con gli insufficienti mezzi che ha a disposizione deve tenere in ordine un quartiere di 40 ettari. Gli abbiamo chiesto di fare un miracolo per tenere il rione all’altezza, ma al momento le stimmate della santità non le ha ancora ricevute».

Il portavoce, inoltre, sottolinea che ci sono altre carenze. «In tutto il comprensorio – prosegue Lanzafame – abbiamo una sola bacheca. E’ necessario dunque dotare il quartiere di un numero adeguato di punti di informazione, per essere al corrente di quello che avviene in sede consortile fra proposte e fatti svolti. Non è accettabile che le informazioni arrivino una volta all’anno insieme alla documentazione che precede le assemblee consortili. Basterebbe creare un adeguato fondo cassa per risolvere volta per volta tutti i nostri problemi».
Gi.Ba.

ULTIME NEWS