Pubblicato il

Niente mensa: pizza per tutti in aula

Niente mensa: pizza per tutti in aula

Caos e polemiche ieri a Tolfa per la mancata partenza del servizio

TOLFA – A Tolfa problemi con la mensa hanno acceso le proteste dei genitori; i consiglieri di minoranza interrogano l’amministrazione comunale. «Avevamo chiesto un’immediata risposta concreta al disagio che il ritardo nell’aggiudicazione delle gare di appalto per i servizi scolastici tra cui mensa, assistenza disabili AEC, e Scuolabus sta arrecando alle famiglie di Tolfa e S.Severa Nord. Ma – spiegano i consiglieri di opposizione Ramona Vittori, Sharon Carminelli e Mario Curi – avremmo creduto che la risposta potesse essere tanto maldestra e rovinosa. La brillante soluzione dell’amministrazione Landi è arrivata: a pranzo pizza per tutti, servita direttamente in aula. L’iniziativa come facilmente si può intuire ha fatto infuriare tutti i genitori al quale era stato comunicato che oggi sarebbe iniziata la mensa, rispettosa dei criteri ministeriali e preparata in cucina. E’ preoccupante il fatto che l’amministrazione, si lasci andare a queste soluzioni “alla buona” dimostrando di non avere il benché minimo rispetto delle regole e del buon senso e la necessaria conoscenza dei regolamenti. E la dieta a base di pizza, sembrerebbe essere destinata a continuare per altri giorni. La domanda a questo punto è: che succede alla cucina della mensa? Come mai non può offrire il servizio di ristorazione previsto? Al contrario di quanto ufficialmente comunicato e cioè che ci sarebbero problemi tecnici, sembrerebbe che il locale sia invaso da topi, alcuni dei quali liberamente in giro per l’istituto hanno fatto capolino nelle classi. Niente di nuovo, purtroppo non è la prima volta che la scuola di Tolfa si ritrova a fare i conti con i topi. Crediamo che sia obbligatorio un controllo da parte delle Asl competenti per la verifica delle condizioni igienico sanitarie dei locali scolastici, chiediamo che il dirigente scolastico informi senza riserve i genitori di cosa sta succedendo realmente dentro le mura della scuola, e che soprattutto venga sospesa al più presto la fornitura di pizza in aula per pranzo. Non è possibile subire in questo modo l’incapacità di un amministrazione che non ha a cuore il suo capitale migliore, i bambini. Siamo molto preoccupati per la non curanza delle regole a cui più volte questa amministrazione ci ha abituato, chiediamo un controllo da parte di Asl e Vvff sullo stato delle condizioni igienico sanitarie e più in generale sulla sicurezza delle scuole di Tolfa». Sul piede di guerra: “Il sito della mensa è inutilizzanile per igiene”, per i bambini dell’Infanzia e della Primaria il sindaco ha comprato pizza da mangiare in classe, molti genitori inferociti sono andati a riprendersi i figli. Nel primo pomeriggio il sindaco ha incontrato alcune famiglie e rappresentanti delle varie classi. I genitori non sono però soddisfatti. «Siamo fortemente deluse, amareggiate e preoccupate dal comportamento della preside e del sindaco per la scarsa professionalità e responsabilità nel programmare e prendere decisioni che influiscono negativamente sullo svolgersi dell’anno scolastico – scrive un gruppo di mamme – bambini chiusi nel plesso che non possono uscire in giardino perché questo non è sicuro a causa del cornicione pericoloso, classe chiusa per una settimana per presunto animale di natura non identificata (quasi sicuramente un topo),  bambini spostati in un’altra classe. Il culmine che ci ha fatto dire basta è stato il fatto che, dopo un mese di ritardo, doveva cominciare la mensa e invece pizza a taglio da mangiare in classe proveniente da fuori senza avvertire i genitori che hanno appreso la notizia da facebook. Cosa si nasconde nella mensa? Quando potranno uscire in sicurezza in giardino? Siamo stufe di essere prese in giro».

ULTIME NEWS