Pubblicato il

Valcanneto: chiarimenti su allaccio metano

Valcanneto: chiarimenti su allaccio metano

Il Comune raccoglierà le richieste di adesione dei cittadini alla campagna promozionale indetta da Italgas fino al 31 ottobre. Zito: «Fino a quella data per aver diritto allo sconto non deve essere fatta nessuna richiesta di allaccio alle società di vendita»

CERVETERI – Con tutto il can can fatto in questi giorni, sulla convenzione stipulata dal comune con Italgas per ottenere il 50% di sconto sugli allacci ad Italgas, alla fine si correva il rischio che nessuno ci capisse più nulla. Sono stati sollevati impropriamente questioni di mercato e di libera concorrenza violata. Interferenze di un ente, il comune con aziende in libera concorrenza. Insomma ognuno ha detto qualcosa ma alla fine, i più hanno dato fiato alla bocca mettendo in discussione un operato, quello dell’ente partendo dal pregiudizio di avere a che fare con una amministrazione di incompetenti. Non resta allora di riavvolgere il film e di rivederlo con calma e alla moviola dove occorre e ciò per una corretta informazione ai cittadini che potrebbero ricavare un danno dalla cattiva interpretazione delle fasi stabilite. L’Italgas è vincitrice di una gara di appalto che le assegna la realizzazione della rete di metanizzazione a Valcanneto. C’è da tener presente che l’Italgas gestisce le reti ma non commercializza il gas. Nella gara di appalto che ha vinto, si era stabilito il contributo per l’allaccio della reta ad ogni singola abitazione in 675 euro. Ora, per effetto di ritardi e disguidi durante i lavori, oltre a chiedere il rifacimento totale del manto stradale, il comune tratta e ottiene uno sconto sul prezzo di allaccio stabilito in appalto, del 50%, portando cioè l’importo a 350 euro ma a delle condizioni che sono: Il raggiungimento entro il 31 ottobre di almeno cinquecento richieste. Una campagna promozionale quindi in piena regola. Fino a quella data i cittadini non devono assolutamente procedere con richieste di allaccio fatte alle aziende di vendita presenti sul mercato, perché si sa ce ne sono tante di aziende che vendono il gas, e qui qualcuno storce il naso, ma semplicemente perché, l’Italgas, unica proprietaria delle reti, inibisce dalla promozione le commerciali per il costo della royalty che dovrebbe riconoscere loro se insieme alla richiesta di fornitura producono anche la richiesta di allaccio. A chi disturba questo, stai a vedere che tra quelli che abbaiano c’è qualcuno che vende gas?  «Per aderire alla campagna – Spiega il vicesindaco Zito che ha seguito da vicino la trattativa –  è necessario compilare l’apposito modulo che è disponibile sul sito internet del comune, presso l’URP e presso l’Ufficio del Protocollo, unitamente ad una copia del documento d’identità in corso di validità. Quindi attenzione, perché coloro che dovessero fare richiesta di allaccio ad una qualsiasi società di vendita energetica prima del 31 ottobre non potranno più usufruire della campagna promozionale. Saranno Italgas e il Comune di Cerveteri a contattare gli utenti per comunicare l’eventuale accettazione delle domande di adesione alla campagna». La documentazione potrà essere consegnata all’ufficio del Protocollo entro il 31 ottobre, nel parco della Legnara, aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle ore 12 e il martedì ed il giovedì anche dalle 15,30 alle 17,30; potrà anche essere inoltrata via PEC all’indirizzo [email protected] o, ancora, consegnata allo sportello del Comitato di zona di Valcanneto, aperto dalle 10 alle 12,30 in via Scarlatti (locali adiacenti il Village).

ULTIME NEWS