Pubblicato il

Caditorie sporche, case e negozi allagati

Caditorie sporche, case e negozi allagati

Fiumicino Le autovetture parcheggiate semisommerse dalla pioggia. Disagi in quasi tutto il territorio

di ANGELO PERFETTI

FIUMICINO – “Appena due settimane fa, dopo un sopralluogo richiestoci da alcuni residenti, denunciammo lo stato di profondo degrado dei pozzetti di scolo nelle aree colpite dalla terribile alluvione di due anni fa, otturati da foglie, rifiuti, erbacce e quindi totalmente inutili. Dall’amministrazione nessuna risposta, nessun intervento, niente di niente. Non ci voleva un genio per capire che al primo acquazzone Fiumicino sarebbe andata in tilt. 
E infatti oggi, dopo appena 15 minuti di pioggia, le strade dell’Isola Sacra si sono trasformate in piscine. Intere zone si sono allagate: via Passo Buole, via Trincea delle Frasche, via Monte Solarolo, via Bombonati, via Foscolo Montini, via Zanusso”. Lo dichiarano i consiglieri comunali Mauro Gonnelli, Federica Poggio e William De Vecchis
“Vie che già due anni fa furono interessate dall’alluvione. Gli impegni presi durante quei giorni sono stati già dimenticati. Decine di famiglie sono rimaste intrappolate nelle case. Diverse attività commerciali sono rimaste chiuse. 
Eppure non ci voleva un indovino per capire che se nei pozzetti di scolo cresce la vegetazione, significa che la manutenzione non viene effettuata (precisamente da marzo) e bisognava rimboccarsi le maniche. Ora ci sarà la corsa a puntare il dito contro i cittadini. Ma forse sarebbe il caso che questa amministrazione iniziasse a farsi un esame di coscienza e una seria autocritica. Meno inaugurazioni fantasma, meno annunci e più lavori” – concludono i consiglieri.
Fin qui la polemica politicfa. E’ un fatto che appena ai è alzato il livello di guardia sono scoppiati i problemi. Se l’altra volta erano state le pompe idrovore, stavolta sono state le caditoie, ma nell’un caso e nell’altro basterebbe – così come anche per i canali di bonifica – una seria e programmata manutnione ordinaria per evitare danni ai cittadini. va altresì sottolineato che anche stavolta, così come nel dicembre di qualche anno fa, l’unica zomna a restare praticamente indenne è stata Passo della Sentinella, alla faccia di chi pensa a quel quadrante come simbolo del degrado e della pericolosità.

ULTIME NEWS