Pubblicato il

Ladispoli, porto turistico: due sedute nella stessa giornata

LADISPOLI – Un vero attacco quello scagliato dal consigliere di opposizione Alessandro Grando (Cuori Ladispolani) contro il prossimo consiglio comunale del 13 ottobre.
In realtà, come spiega Grando, i consigli nella stessa giornata saranno due: il primo alle 19:30 aperto a tutta la cittadinanza per accogliere osservazioni e spiegare il progetto preliminare; il secondo alle 21:30 per l’approvazione del progetto.
Tempi stretti, fino troppo, al punto di scatenare l’ira del consigliere.
«Appena ricevute le due convocazioni – spiega Grando –  ho immediatamente contattato il Presidente del Consiglio comunale Emanuele Cagiola per invitarlo a correggere quello che credevo fosse un banale errore di battitura. Mi veniva invece comunicato dallo stesso Presidente che la doppia convocazione era stata una precisa disposizione del Sindaco. Alla base di questa scelta c’è un tecnicismo noto solo agli addetti ai lavori, ossia, il regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale non consente di adottare deliberazioni nel corso delle adunanze aperte. Da qui la fantasiosa invenzione di convocarne due separate, una aperta e una per l’approvazione del progetto».
«A questo punto sorge spontanea una domanda – afferma il consigliere –  a cosa serve un confronto con i cittadini se è già stabilito a priori che non verranno presi in considerazione i loro interventi? A questo interrogativo il Presidente Cagiola ha risposto dicendo che il Sindaco si è reso disponibile a ritirare il punto qualora dalla discussione con i cittadini emergesse la necessità di apportare delle modifiche al progetto preliminare. Praticamente quello che il sottoscritto ed altri hanno già chiesto di fare nel corso delle commissioni consiliari, parallelamente alla predisposizione di valutazioni ambientali e di funzionalità dell’opera, non per puro spirito di opposizione ma con l’unico scopo di migliorare un progetto che presenta numerose criticità».
«A questo – conclude Grando – punto non resta che sperare che i cittadini siano più convincenti, riuscendo nell’impresa impossibile di far capire al Sindaco e alla sua maggioranza che stanno correndo su un binario morto e che farebbero meglio a fermarsi per ragionare».

ULTIME NEWS