Pubblicato il

Igiene urbana a Tarquinia, cambia la ditta: incognita lavoratori

Igiene urbana a Tarquinia, cambia la ditta: incognita lavoratori

I consiglieri comunali d’opposizione chiedono lumi al sindaco Mazzola sulla delibera 176 del 13 settembre. «E ancora niente bando. Non ci spieghiamo come mai non sia stata fissata la gara d’appalto»

TARQUINIA – Igiene urbana, l’opposizione di Tarquinia chiede lumi all’amministrazione Mazzola dopo l’ok della giunta al subentro di una nuova società, la Energeticambiente srl, per un servizio che continua ad andare avanti con continue proroghe senza la pubblicazione di un nuovo bando.

Il Comune di Tarquinia affidò infatti il servizio il primo aprile del 2010 all’Ati Aimeri Ambiente srl-Lanzi snc. Il 31 marzo del 2015 la giunta comunale approvò la proroga tecnica del contratto e ad oggi non è stato ancora indetto un nuovo bando di gara.

«Non ci spieghiamo perché non sia stata ancora fissata la gara d’appalto per il servizio di igiene urbana, – affermano i consiglieri d’opposizione – ormai in proroga su proroga da molto tempo, con le dovute prescrizioni e i dovuti ritocchi per una raccolta più differenziata ma anche meno onerosa per i cittadini».

«Evidenziamo una delibera di Giunta (la 176 del 13 settembre) dove si autorizza al subentro un’altra società, al posto di chi detiene l’appalto, Aimeri Ambiente srl, nell’esecuzione del contratto. Vorremmo sapere che verifiche sono state fatte in tal senso; perché invece di dare il servizio scaduto da tempo ad una ditta affittuaria del contratto d’ azienda, non è stato posto in atto il nuovo bando per l’assegnazione del medesimo; perché la maggioranza e la commissione preposta non ha informato i consiglieri? Speriamo che al più presto venga chiarito il tutto, senza le solite uscite di qualcuno, contro tutto e tutti».

Al centro della preoccupazione dei consiglieri dopposizione i posti di lavoro: «Nutriamo inoltre – affermano i consiglieri d’opposizione – grossa preoccupazione per gli stipendi dei dipendenti, dato che quando ci sono queste variazioni societarie spesso si creano problemi nei pagamenti. E ci auguriamo che in questo caso ciò non avvenga». Il subentro della nuova società, come riportato in delibera, scaturisce a seguito del fatto che la Aimeri il 20 maggio ha comunicato di aver stipulato un contratto d’affitto di azienda proprio a favore della Energeticambiente, a partire dal 20 giugno, società posseduta al 100% dalla stessa Aimeri.

L’opposizione chiede però garanzie circa gli stipendi e i posti di lavoro dei dipendenti della società, incalzando l’amministrazione affinchè dia celeri risposte in merito ad eventuali cambiamenti (a.r.)

ULTIME NEWS