Pubblicato il

Ladispoli: è ancora allarme baby squillo

Ladispoli: è ancora allarme baby squillo

Due sedicenni costrette alla strada tra Ladispoli, Cerveteri, Civitavecchia e Fiumicino. Quattro persone nel registro degli indagati per sfruttamento della prostituzione

LADISPOLI – È ancora un caso di baby prostituzione a scuotere il litorale e Ladispoli.
Dopo il caso delle due baby squilo che lanciò un grande allarme tra genitori ed educatori,  è arrivata ieri la notizia di un nuovo caso di sfruttamento di adolescenti.
Due ragazzine minorenni , di 16 anni, lungo il litorale romano, tra Fregene, Ladispoli, Cerveteri e Civitavecchia, hanno venduto i loro corpi tra il 2014 e il 2015, manipolate da quattro persone adesso indagate con l’accusa di sfruttamento della prostituzione.
Una vicenda simile al dramma delle ragazze indotte a prostituirsi ai Parioli che vedrebbe ad oggi 4 persone iscritte nel registro degli indagati.
Le indagini sono scattate a seguito della denuncia di un anziano signore che, insospettito dai comportamenti anomali delle giovani che, una volta varcata la porta di casa, toglievano i cappotti sotto cui celavano minigonne e tacchi spillo. All’esame della procura c’è adesso la posizione di decine di clienti di ogni strato sociale.
Il pubblico ministero che segue le indagini Santucci deve valutare chi era consapevole dell’età delle minori, e in caso affermativo procederà all’iscrizione nel registro degli indagati con l’accusa di violenza su minori.
Appena terminati i compiti uscivano di casa, sempre nel tardo pomeriggio, vestite in abiti succinti, ben protette da un soprabito per nascondere i loro intrighi agli occhi dei genitori. 
Ad aspettare le sedicenni sotto casa c’era uno dei quattro sfruttatori che le facevano salire in auto portandole in strada: in un parcheggio, in parco, in strada o nelle abitazioni dei clienti.
Tariffe basse: tra i 100 e 50 euro che venivano ripartiti tra sfruttatori e ragazze.
Le minori, interrogate, hanno mostrato di non avere coscienza fino in fondo di venire usate.

ULTIME NEWS