Pubblicato il

Ecco la due diligence sul forno crematorio

Ecco la due diligence sul forno crematorio

Civonline pubblica il documento dell'ingegner Carugno, che a sua volta suscita ulteriori interrogativi, non riportando firma dell'autore, data, destinatari e protocollo interno. Il Sindaco da quando sapeva dei vizi del procedimento? E perché ha comunque proceduto, assumendosi tutta la responsabilità politica dell'operazione, con la delibera di Giunta per approvare la convenzione, diversa dallo schema originario, senza neppure un passaggio in Consiglio Comunale?

CIVITAVECCHIA – Dopo che il capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso ha reso noti ieri i contenuti della due diligence del dirigente dei lavori pubblici Pierluigi Carugno, oggi Civonline pubblica il documento, da un file che risulta essere stato creato il 4 agosto 2016 e che presenta diverse particolarità, nella forma.

Si tratta infatti di un documento assolutamente anonimo, non sottoscritto da Carugno, scritto su un file “in bianco” e privo di indirizzi e protocollo. Ora, probabilmente si tratta dell’originale che Carugno ha consegnato, in formato elettronico, ai capigruppo consiliari. In questo caso sarebbe interessante risalire al documento effettivamente consegnato al Sindaco Cozzolino, per sapere quando gli è stato recapitato e, quindi, da quando il primo cittadino era a conoscenza dei dubbi e dei presunti vizi del procedimento amministrativo relativo al forno crematorio, visto che ad ottobre 2015 la giunta ha approvato il nuovo progetto, diverso rispetto a quello messo in gara, e poi a dicembre anche la convenzione con l’impresa vincitrice, convenzione anch’essa diversa rispetto allo schema allegato al preliminare ed approvato nel 2013 con il Piano triennale dei Lavori Pubblici. 

In ogni caso, come risulta dal documento, l’attività di due diligence è stata avviata fin dall’inizio del 2015, quando lo stesso Carugno venne nominato responsabile del servizio Lavori Pubblici: “Con Decreto Sindacale n. 1371 del 09.01.2015 viene nominato per un periodo di tre anni, ai sensi dell’art.110 del D.Lgs. 267/2000, il Dirigente del Servizio Lavori Pubblici ed Opere Infrastrutturali nella persona dell’ing. Pierluigi Carugno. Stante la preesistente  aggiudicazione definitiva, a seguito di procedura di gara, all’ATI ALTAIR (che ha solo partecipato alla gara ma non ne è stata il promotore) ed al fine di non creare danni alla Amministrazione comunale, è stata attivata una preclosing’s due diligence con l’analisi di tutte le informazioni relative alle procedure gestionali e amministrative di cui al presente abstract”.

Sulla base di questa due diligence è stato presentato, dallo stesso Carugno, un esposto all’Anac, l’Autorità Anticorruzione, ma il Sindaco ha comunque deciso di andare avanti con la firma della convenzione, fino agli ultimi atti amministrativi di quest’anno, che hanno consentito l’avvio dei lavori.

LA DUE DILIGENCE

ULTIME NEWS