Pubblicato il

Acea: chiuso il contenzioso

Acea: chiuso il contenzioso

La società pronta a versare liquidità nelle casse dell’Università Agraria. Sottoscritto nei giorni scorsi l’atto di transazione

ALLUMIERE – Un altro grande obiettivo è stato raggiunto dalla giunta Pasquini: Acea Ato 2 spa ha accettato l’iscrizione a ruolo

e versa liquidità nelle casse dell’Università Agraria di Allumiere. Alcuni giorni fa, presso la sede di Acea Ato2 spa, in piazzale Ostiense a Roma si è concluso il primo contenzioso tra l’Ente collinare e la società che gestisce il servizio idrico. Nei primi anni del 2000, l’Azienda Comunale Energia ed Ambiente di Roma ha realizzato l’Acquedotto dell’Oriolo, Tolfa, Allumiere la cui opera ha occupato una serie di terreni situati nel territorio dei Comuni di Allumiere e di Santa Marinella e di proprietà dell’Università Agraria di Allumiere. Il progetto, nato nella seconda metà degli anni ’90, fu autorizzato preventivamente nel 1995 e, dopo varie perizie, finalmente nel 2000 ha ottenuto il definitivo nulla osta e attribuzione del canone in proporzione alla superficie occupata. L’acquedotto, però, non è mai entrato in funzione, la società ha subito vari cambiamenti fino a trasformarsi nell’attuale Acea Ato 2 S.p.a. e non è stato mai versato il canone a favore dell’Ente Agrario. «Questa amministrazione agraria – spiega il presidente dell’Università Agraria di Allumiere, Antonio Pasquini – fin dal 2011, anno del nostro insediamento, ha impostato subito il proprio operato sui binari di equità sociale e rispetto delle parti con tutti, siano essi utenti che società di rilevanza nazionale. Dopo vari incontri, lettere, citazioni e quant’altro necessario, finalmente, a seguito dell’intervento congiunto del segretario universitario Luigi Artebani e dell’avvocato Antonio Pizzuti, nei giorni scorsi alla presenza da una parte di Acea Ato2 S.p.a. nella persona dell’ing. Giorgio Martino e dall’altra della nostra Università Agraria rappresentata da me – abbiamo proceduto alla sottoscrizione dell’atto di transazione che prevede l’iscrizione a ruolo dell’azienda ed il versamento di 19.861,58euro a favore del nostro Ente. Questoè stato un intervento mirato e motivato che si inserisce in una più ampia attività in ordine equitativo che mira ad iscrivere a ruolo occupazioni avvenute in varie epoche e che non risultano iscritti a ruolo creando disparità nei confronti tra cittadini».

Dopo questo ennesimo risultato positivo, successivo alla risoluzione e versamento da parte di Telecom Italia di alcuni mesi fa, ora resta da risolvere un’ulteriore situazione sempre legata ad Acea Ato2, giudicata insolvente da parte dell’Ente e la conclusione dei procedimenti già avviati nei confronti di soggetti in attività di telecomunicazione che occupano abusivamente terreni dell’Ente. «Un ringraziamento particolare da parte mia – spiega – e di tutta l’amministrazione è rivolto ai nostri dipendenti che con estrema competenza e professionalità hanno condiviso e portato ad obiettivo questo ennesimo progetto nell’interesse della comunità di Allumiere».

Rom. Mos.

ULTIME NEWS