Pubblicato il

Porrello: «Zingaretti, atteggiamento ambiguo»

Porrello: «Zingaretti, atteggiamento ambiguo»

Il capogruppo del M5S Lazio punta il dito: "Si è avvalso della facoltà di non rispondere"

CIVITAVECCHIA – “Come da me preannunciato poche ore dopo la diffusione della notizia della richiesta di archiviazione per Zingaretti, il presidente in aula si è avvalso della facoltà di non rispondere, forse ispirato dalla figuraccia della sua collega Michela Campana”.

Lo dichiara Devid Porrello, capogruppo del M5S Lazio.

“Se Zingaretti – aggiunge il grillino – non fosse stato indagato per le calunnie di Buzzi, che riguardano fatti differenti da quelli oggetto del processo Mafia Capitale, non si sarebbe potuto avvalere della facoltà di non rispondere e avrebbe dovuto invece rendere la propria testimonianza come richiesto dai magistrati. Stupisce – punta il dito – quindi che il presidente, da un lato lamenti di essere stato calunniato da Buzzi e dall’altro utilizzi questa circostanza per non fornire i chiarimenti richiesti dalla procura. Da un presidente – conclude – che celebra continuamente la propria trasparenza questo atteggiamento risulta quanto meno ambiguo”.

ULTIME NEWS