Pubblicato il

Parassiti e gesti incivili nel bosco di Palo

LADISPOLI- Parassiti, gesti incivili contro gli alberi del bosco di Palo, attaccati da una parte da una grave malattia e dall’altra da incoscienti che lasciano le immondizie abbandonate nei pressi degli alberi già debilitati. Il sindaco Paliotta perciò ha lanciato un appello rivolto alle associazioni ambientaliste perché possano interessarsi e prendersi cura degli alberi che, almeno finora, sono stati salvati dall’attacco letale del parassita mentre altre alberature dovranno, per forza maggiore, essere abbattute. «Il bosco di Palo è un’oasi di macchia mediterranea e, quindi, non segue le stesse regole di un parco giardino-ha detto infatti Paliotta-. 
«Purtroppo – ha proseguito Paliotta – tutto il bosco è stato attaccato da una malattia delle alberature. Su indicazione degli esperti dell’Università di Roma e della Tuscia, che continuano a monitorare la situazione, nei mesi scorsi abbiamo deciso di chiudere l’area di competenza comunale per evitare rischi ai visitatori. Purtroppo, come ci è stato suggerito dai botanici, dovremo abbattere molti alberi malati per evitare la propagazione del parassita: in questi giorni si sta facendo un censimento delle alberature da rimuovere». 
Quindi ha aggiunto «Nel frattempo abbiamo emesso un bando, rivolto alle associazioni, per la gestione e l’utilizzo degli spazi del Bosco di Palo. Compito dell’associazione che si aggiudicherà il bando sarà quello di gestire e mantenere le aree, conservandone la destinazione per la quale sono state assegnate, assumendosi gli oneri della manutenzione ordinaria e della pulizia necessaria a garantire la massima efficienza e funzionalità».
(Da. Toz.)

ULTIME NEWS