Pubblicato il

Gruisti: azienda e rsa cercano un'alternativa alla cassa integrazione

CIVITAVECCHIA – Si cerca di trovare una soluzione alternativa. Una strada da percorrere per scongiurare la recente decisione della Gtc (Gestione terminal Civitavecchia) di aprire le procedure di cassa integrazione, per via della crisi. Nei giorni scorsi i sindacati avevano incontrato il commissario straordinario dell’Autorità Portuale Ilarione Dell’Anna per capire se vi fossero spiragli per una mediazione. Poi la riunione con la dirigenza aziendale ed infine la decisione di provare a cercare un’alternativa, con società e rsa aziendali seduti allo stesso tavolo per capire quale sia l’effettivo margine di manovra. I lavoratori dell’impresa che opera nel settore dell’imbarco-sbarco di merci nel porto sono preoccupati e aspettano anche di affrontare la vertenza con il nuovo presidente della Autorità di Sistema Portuale che si insedierà ormai a breve. Perché Molo Vespucci, in questa trattativa, gioca un ruolo importante; i piani di rilancio e i progetti sul traffico merci, infatti, sono alla base di questo lavoro. Nel frattempo si cerca di capire se, intervenendo sull’organizzazione del lavoro e su una modifica temporanea del regolamento interno, rimodulando turni, straordinari ed effettuando una proiezione sui traffici attuali, si possa trovare almeno una soluzione in grado di far riporre nel cassetto l’dea della cassa integrazione.

ULTIME NEWS