Pubblicato il

Ladispoli, pioggia di accertamenti Imu

Ladispoli, pioggia di accertamenti Imu

di FRANCESCO SCIALACQUA

LADISPOLI – In arrivo una pioggia di accertamenti per IMU non pagata o non denunciata.
Sono 1602 le cartelle pronte a partire con destinazione Ladispoli per un totale di 1.171.000 euro. 
Ad occuparsi dell’invio e della riscossione sarà la Flavia Acque, società del comune di Ladispoli.
Il provvedimento è stato necessario al fine di poter accertare l’entità di una parte dei crediti, soldi che il comune aveva previsto in bilancio e che poi non sono stati incassati. 
Nel bilancio questi soldi sono passati a crediti che il tempo però rischia di deteriorare. Più passano i mesi e minore è la possibilità di incassare effettivamente quei soldi e quindi si è reso necessario provvedere a mettere un pezza se non si voleva che la cifra di 1,17 milioni di euro si tramutasse in un vero e proprio buco nel bilancio comunale.
Ma dell’intera somma la previsione di incasso è decisamente molto minore. Tenendo conto dei risultati delle altre campagne di accertamento degli ultimi 5 anni la stima di riscossione è del 36,5%. 
Della cifra totale quindi si pensa di poter tenere in bilancio solo 427.050 euro. I restanti 743.926 euro andranno a costituire la voce crediti di dubbia esigibilità, soldi che l’ente non potrà contare con certezza nella copertura di spese o opere da realizzare.
In questo quadro non roseo ci si è messo di mezzo anche il tornado. Infatti il Comune ha deciso di consentire ai cittadini destinatari di un atto di accertamento che, in occasione del tornado, abbiano subito gravi e comprovati danni anche alle proprietà immobiliari di richiedere una proroga dei termini di scadenza.

ULTIME NEWS