Pubblicato il

Cresce il vento dell’opposizione contro Tondinelli

Un’intervista a Donato Mauro sulle tematiche calde: Cupinoro e Bracciano Ambiente. Il consigliere: «Nessun atto prodotto che corrisponda alle aspettative della cittadinanza»    

Un’intervista a Donato Mauro sulle tematiche calde: Cupinoro e Bracciano Ambiente. Il consigliere: «Nessun atto prodotto che corrisponda alle aspettative della cittadinanza»    

di GRAZIAROSA VILLANI

BRACCIANO – Cresce il vento dell’opposizione contro la giunta di Armando Tondinelli. Le minoranze fanno squadra ed in più occasioni hanno elaborato un fronte comune. Tra gli argomenti tiene banco la questione Cupinoro e la Bracciano Ambiente. Abbiamo intervistato, per un giudizio complessivo, il consigliere Donato Mauro, già candidato a sindaco alle elezioni amministrative di giugno.
Consigliere Mauro, in queste ultime settimane, l’opposizione alla giunta Tondinelli si sta facendo più incisiva. Qual è il suo giudizio sull’operato dell’amministrazione?
«Dal suo insediamento la giunta Tondinelli non ha prodotto, a nostro parere, alcun atto che rispondesse alle aspettative della cittadinanza. Peraltro ci sembra di riscontrare che nessuna delle promesse fatte in campagna elettorale sia stata mantenuta. Non è stato affrontato in primo luogo il prioritario problema della Bracciano Ambiente, né del futuro del sito di Cupinoro. Anzi si è arrivati al punto di presentare in Consiglio comunale un «Piano di sviluppo sostenibile della discarica» illustrato dal vicesindaco Rinaldi e dall’amministratore unico della Bracciano Ambiente, per poi non farlo votare sulla base di asseriti impedimenti rivelatisi poi, alla luce dei documenti, inconsistenti. Per contro, è sembrato che la cosa più importante fosse quella di saziare la parte più cattiva e rancorosa assetata di chissà quale vendetta, dimenticando che il principale compito di chi amministra una città è quello di unire e guardare all’interesse generale poiché solo con il contributo di tutti si può risollevare Bracciano».
Cosa ne pensa dell’ordinaria amministrazione della giunta Tondinelli?
«Tralascio di enumerare tutti i mancati interventi sul decoro urbano, sulla illuminazione pubblica, sull’urbanistica, sulla sicurezza, etc….poiché è sotto gli occhi di tutti la situazione in cui versa la nostra cittadina che si prepara a vivere un mesto Natale. Nessuno intende nascondere le gravissime difficoltà finanziarie che la giunta comunale ha dovuto affrontare in questi primi mesi, che però erano note e che in campagna elettorale si era asserito di essere in grado di superare. Invece è mancata totalmente la capacità di sviluppare i progetti, è risultato totalmente assente lo spirito di iniziativa e non si è percepito il lavoro di squadra a cui avrebbero dovuto fornire il massimo contributo anche tutti i dirigenti e il personale del Comune».
Con i consiglieri Tellaroli e Persiano avete presentato una interrogazione…
«Ritengo che l’inadeguatezza della attuale amministrazione ci porterà a seguire decisioni imposte dall’alto sulla questione Cupinoro. La interrogazione a risposta scritta presentata, alla quale il sindaco non si potrà sottrarre di rispondere, chiarirà le sue reali intenzioni sul futuro della società».
Cosa si sentirebbe di dire a Tondinelli?
«Ora preso atto di tutto ciò occorre una approfondita e sincera riflessione da parte del sindaco sulle oggettive possibilità della sua giunta di affrontare i gravosi e crescenti problemi che affliggono Bracciano, sarebbe certamente apprezzata da parte della stragrande maggioranza dei cittadini, che gli riconoscerebbero l’impegno profuso nel corso degli anni e la capacità di andare oltre il legittimo sentimento di orgoglio nell’interesse di Bracciano». 
Dalle quattro liste che hanno sostenuto la sua candidatura a sindaco alle ultime comunali è nato il movimento Liberi e Uniti 2.0. Quali obiettivi si pone questo gruppo politico?
«Tra gli scopi c’è quello di rafforzare quelle tendenze e quei principi che servono ad allontanare ogni rischio di nuove contrapposizioni settarie, migliorare le condizioni generali, del lavoro e dello sviluppo del paese.
Il Movimento inoltre riconosce le giuste aspirazioni delle persone per una moderna legislazione sociale».

ULTIME NEWS