Pubblicato il

La Rosa: «Meglio non sfiduciare la Riccetti»

La Rosa: «Meglio non sfiduciare la Riccetti»

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle fa marcia indietro: il cerchio magico avrà imparato dall’errore commesso con la Bagnano? L’atmosfera tra i grillini rimane tesa: pace armata in attesa della prossima avventura

CIVITAVECCHIA – Placati i bollenti spiriti di Fortunato, sedati i capricci di Cozzolino, il capogruppo del Movimento 5 Stelle Emanuele La Rosa tenta l’ultima carta: quella della pace armata. La strategia di sfiduciare la presidente del consiglio comunale Alessandra Riccetti, per il sindaco e il suo cerchio magico si rivelerebbe peggiore di quella con la quale si è tentato di far fuori la scomoda Raffaella Bagnano nei mesi scorsi, che ha poi portato alla spaccatura della maggioranza. Non è escluso che il suggerimento lo abbia dato proprio il segretario generale del Comune Caterina Cordella, ormai unica ispiratrice dell’amministrazione e di fatto al vertice del Pincio, capace di imporre la sua opinione sempre e comunque. Sta di fatto che dopo aver abbaiato per settimane, il Movimento 5 Stelle ha capito che la sfiducia alla Riccetti rappresenterebbe «un atto politico dannoso». Lo ha affermato proprio La Rosa nel corso di una trasmissione (Diritto di Replica) a Trc, non escludendo l’intenzione del M5S di votare una sfiducia proveniente dall’opposizione. Colpo di scena: il cerchio magico del sindaco da una parte fa allusioni a sinergie tra le grilline rivoltose (Riccetti, Bagnano e Trapanesi) e la minoranza, sbizzarrendosi sui propri blog con vignette satiriche, dall’altro ammette candidamente, tramite La Rosa, di aver atteso la sfiducia alla Riccetti da parte della minoranza per poterla appoggiare. Senza alcun preventivo accordo tra le parti interessate allo stesso obiettivo, ovvero quello di far fuori la scomoda Riccetti? Difficile da credere, nonostante i tentativi del cerchio magico di mostrare una verginità politica che fino ad oggi non è ancora emersa. Palla al centro, con il capogruppo M5S La Rosa che quale medicina per la Riccetti non esclude iniziative incisive, più severe addirittura di un intervento del nazionale che i grillini neppure vorrebbero.  Staranno mica pensando a una fucilazione in piazza?

ULTIME NEWS