Pubblicato il

"Zika non più un’emergenza"

"Zika non più un’emergenza"

L’Oms: "Ma rimane comunque un problema a lungo termine"

L’Organizzazione mondiale della sanità dichiara la «fine dell’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale» per il virus Zika, una fase aperta 9 mesi fa alla luce del boom di casi registrati in diversi Paesi, con il Brasile fra i più colpiti (sul suo territorio l’infezione si è palesata nel maggio 2015 e si è diffusa rapidamente). La decisione di non trattare più Zika come un’emergenza è motivata dal fatto che – spiega l’Agenzia sanitaria delle Nazioni Unite – l’infezione e le conseguenze associate «rappresentano un significativo problema a lungo termine che deve essere gestito dall’Oms, dagli Stati membri e dagli altri partner nel modo in cui vengono trattate altre ‘minacce infettive’». La dichiarazione di fine emergenza è stata ufficializzata in occasione della quinta riunione del Comitato di emergenza, insediato per occuparsi dei casi di Zika, dei disturbi neurologici e dei casi di microcefalia. Ora, precisa l’Oms, «le raccomandazioni temporanee emerse dalle riunioni del Comitato di emergenza confluiranno in un meccanismo di risposta più a lungo termine. L’infezione (che può essere veicolata dalle zanzare ma anche trasmessa per via sessuale, secondo gli studi condotti finora) è stata collegata a gravi difetti neonatali in quasi 30 paesi, in particolare microcefalie, una condizione che porta alla nascita di bambini con uno sviluppo cerebrale ridotto e la testa di dimensioni inferiori alla norma. La dichiarazione di ‘emergenza internazionale di sanità pubblica’, spiega l’Oms, «ha portato il mondo a una risposta urgente e coordinata». Ma con la diffusione dell’infezione in America latina, in area caraibica e dintorni, è necessario impostare un approccio duraturo nel tempo per una minaccia che, David Heymann, l’esperto a capo del Comitato Oms per l’emergenza Zika, ha definito «significativa e destinata a perdurare». «La ricerca – conclude l’Oms – ha ora dimostrato un legame tra l’infezione da Zika e la microcefalia. Per questo il Comitato ha convenuto sulla necessità di un «robusto approccio tecnico per gestire una risposta globale», perché gli esperti hanno ritenuto che «Zika e le sue conseguenze rimangono una significativa sfida duratura di salute pubblica che richiede un’azione intensa», pur non rappresentando più un’emergenza come definita da regolamento.

ULTIME NEWS