Pubblicato il

Fiumicino, sbarcati altri 60 profughi

FIUMICINO – Dopo i 40 arrivati giovedì un nuovo gruppo di 60 profughi, tra i quali diversi bambini, è arrivato ieri mattina all’aeroporto di Fiumicino con un volo di linea da Beirut grazie al progetto-pilota dei «corridoi umanitari», realizzato dalla Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, dalla Tavola valdese e dalla Comunità di Sant’Egidio. 
Un’alternativa ai viaggi della disperazione nel Mediterraneo per chi è in fuga dalla guerra e che consente di arrivare, in sicurezza e legalmente, in Europa. Dopo lo sbarco dal volo Alitalia, arrivato poco dopo le 7, è scattata l’accoglienza per i migranti che sono stati accompagnati dalla Polizia di Frontiera in un’area dello scalo appositamente dedicata per effettuare il lungo disbrigo delle pratiche individuali, compresa l’identificazione anche con il riscontro delle impronte digitali. Alle 11 per loro ci sarà il benvenuto, al terminal 2, del viceministro degli Esteri, Mario Giro, del presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, e del moderatore della Tavola Valdese, Eugenio Bernardini. Ad accogliere i profughi ci saranno anche alcuni rifugiati, giunti nei mesi scorsi. A meno di un anno dall’avvio di questo progetto, realizzato nell’ambito di un protocollo d’intesa che i promotori hanno sottoscritto con i Ministeri dell’Interno e degli Affari Esteri, con gli arrivi di ieri e di oggi, si è raggiunta così la prevista quota totale di 500 arrivi nel 2016. Il piano prevede mille arrivi entro il 2017.

ULTIME NEWS