Pubblicato il

Il centrodestra si presenta unito

Il centrodestra si presenta unito

Con un comunicato annuncia il ritrovato accordo con la firma di un documento di intenti. «Dopo quasi 20 anni questo ‘‘sogno’’ è diventato realtà. Nei prossimi giorni sarà resa nota la figura della persona idonea a guidare la coalizione, individuata fra una rosa di candidati»

di TONI MORETTI

CERVETERI –  Fu Silvio Berlusconi il precursore della politica spettacolo. Lui, poliedrico, creativo, impunito venditore, come diceva il grande Eugenio Scalfaro, di tappeti ammuffiti, aveva nobilitato e sdoganato l’abilità teatrale dei politici, la capacità di recitare a soggetto inventando le bugie necessarie al momento, per rendersi interessanti. Da quel momento, l’osservatore, il commentatore dei fatti del teatro politico, doveva tenere d’occhio anche il back-stage. Scoprire dove nasceva la superficialità e l’indifferenza ai bisogni reali della gente, che aveva trasformato la politica da contenitore occulto di interessi che non dovevano interessare ai più a santificatore di personali talenti che creassero performance di intrattenimento che distraendo continuava a tenere occulti quegli stessi interessi che dovevano continuare a non interessare i più. Già qualche tempo fa, il centro destra uscì con un proclama di trovata unità con una sfilza di simboli e idee di programmi. Il giorno dell’Immacolata Concezione, sotto i riflettori appare un nuovo comunicato ed un’altra sfilza di simboli con i nomi dei vari coordinatori, il tutto supervisionato nel coordinamento da Vilma Pavin, attualmente vicina a Salvini, che in disprezzo di quelli che potrebbero essere gli orientamenti nazionali dei loro gruppi circa le alleanze, facendo loro il motto: ”La destra unita vince”, proclamano il ritrovato accordo e la ritrovata unione con la firma di un documento di intenti. Questi sono:  Lista Civica Cambiare Cerveteri  di  Nicolò Accardo,  Noi con Salvini di Vilma Pavin, Forza Italia di Luciano Badini, Fratelli d’Italia di Aurelio Mazzolini, Terra Libera di Michael Rosselli e Vivi Cerveteri nei Tredici Territori di Armando Angelini. Tutti uniti con un unico obiettivo: far uscire il  Comune dal periodo di stallo e degrado in cui versa!  «Per tanto – recita il comunicato – si formalizza un accordo che mira, con lealtà e concretezza, a riportare il comune di Cerveteri ad una vera funzionalità. Lealtà, perché i gruppi politici sopracitati, si propongono in prima linea al governo del nostro Comune con un nuovo modo di far politica, una politica al servizio dei cittadini tutti e soprattutto per coloro che in questi ultimi anni si sono trovati in seria difficoltà, economica e sociale. Una politica pulita senza balzelli da una parte all’altra dei gruppi consiliari e chiariamo meglio: chi sarà eletto al consiglio comunale dovrà rimanere fedele al gruppo consiliare di appartenenza. Concretezza, formulare un programma di lavoro senza libri delle favole, questo significa analizzare in concreto le risorse comunali e sulla base di questo verificare quali progetti sia possibile attuare tempestivamente secondo le dovute priorità, utilizzando la grande quantità di finanziamenti europei a cui accedere attivando un serio e competente ufficio per l’elaborazione di progetti mirati allo sviluppo e miglioramento del territorio. Un rilancio concreto e serio delle attività commerciali e turistiche. È la prima volta dopo quasi 20 anni che il Centro Destra torna Unito, senza se e senza ma, questo può solo gratificare ed inorgoglire chi ha lavorato per far si che questo “sogno” sia divenuto realtà. Nei prossimi giorni sarà resa nota la figura della persona idonea a guidare la coalizione, individuata tra una rosa di candidati di alto profilo professionale e di indubbia statura morale, principi fondamentali di questa rinnovata unione».  Nel back stage si vede che come a sinistra, i gruppi di destra abiurano i movimenti, le strategie e le indicazioni dei vecchi baroni della politica ed hanno fatto questa mossa smarcante ignorando  e non tenendo conto di tutto il gran da fare dei novaresi-romani che si incontrano per caso con collinari civitavecchiesi per brigare strategie gattopardesche in modo che chiunque vinca hanno vinto loro, i loro amici, i loro interessi e mai i cittadini.

ULTIME NEWS