Pubblicato il

''Farmacia, i problemi di bilancio si possono risolvere''

''Farmacia, i problemi di bilancio  si possono risolvere''

Lo assicura il nuovo delegato Eugenio Fratturato: «Subito la verifica sui costi e sulla gestione passata»

S. MARINELLA – Continuano a rincorrersi le notizie sul futuro della farmacia comunale. Da tempo, infatti, c’è chi dice che l’amministrazione comunale è interessata ad una esternalizzazione della gestione del presidio sanitario. Sui social network, per diversi giorni, si sono registrati decine di interventi da parte dei cittadini che contestano eventuali cessioni della farmacia e con i rappresentanti della giunta in carica che continuano a smentire una ipotesi simile. «Non c’è silenzio da parte dell’amministrazione su questa vicenda – ci tiene a sottolineare il consigliere di maggioranza Emanuele Minghella – però noto che si dicono tante cose che non sono vere a cui vanno date delle risposte. Ora c’è un delegato alla Farmacia che troverà il modo per risanare il bilancio, io lo aiuterò nel compito se vorrà un mio consiglio. Se così non sarà valuteremo altre strade». Nonostante le rassicurazioni di Minghella c’è chi è convinto che entro breve tempo la farmacia verrà esternalizzata, con buona pace della maggioranza in carica che reputa il servizio una voce ormai passiva da diversi anni. Sulla questione interviene il delegato alla Farmacia. «Ma voi credete che se sapevo che la farmacia sarebbe stata ceduta ad un privato avrei accettato l’incarico? – si domanda Eugenio Fratturato – ho voluto prendere questa patata bollente perché penso che si possano risolvere i problemi di bilancio, ma mi deve essere data carta bianca. La prima cosa che farò sarà quella di andare a verificare i conti e la gestione passata, in modo tale da avere un quadro chiaro di come stanno i conti. Voglio appurare quanta merce giace in magazzino e se la gestione è stata corretta. Ci sono dei dipendenti che lavorano per la pulizia e la manutenzione dei locali. Vanno verificati anche li i costi. Una volta che ho chiaro cosa è successo, farò una relazione che invierò alla maggioranza, allegando una mia proposta per continuare il servizio. So che nel 2015 il bilancio della farmacia portava un attivo di 40mila euro mentre oggi è sotto di 180mila. La prima cosa chiederò che vengano fatti investimenti su questo presidio puntando a ritornare in tempi decenti all’attivo».

Il sindaco però ha un’idea diversa in merito. «Ci sono diverse linee di pensiero sulla farmacia – dice Bacheca – è un problema che stiamo discutendo in maggioranza e al più presto dovremo dare una risposta. Io penso che forse la cosa migliore è di dare la gestione del bene a terze persone evitando dunque la vendita. E’ una formula che lascia la proprietà all’amministrazione comunale, toglie alcune problematiche agli uffici ed allo stesso tempo evita al Comune di avere perdite, anzi, ci potrebbe essere un incasso di circa 80-100mila euro all’anno per l’affitto e per il cittadino non ci sarà alcuna penalizzazione perché il costo del farmaco sia che sia una farmacia pubblica che privata è lo stesso». (red. pro.)

ULTIME NEWS