Pubblicato il

NewCo: via libera dell'assemblea

NewCo: via libera dell'assemblea

Acceso dibattito questo pomeriggio all’aula Pucci. I lavoratori hanno dato mandato ai sindacati di proseguire sulla strada già tracciata. Rimane il giallo delle tredicesime. Per l’amministrazione è tutto rientrato, ma Ugl chiede documenti e certezze 

CIVITAVECCHIA – Via libera dell’assemblea dei lavoratori di Hcs e delle sot all’accordo tra amministrazione e sindacati. L’ipotesi di accordo di percorso siglata qualche sera fa a Palazzo del Pincio, infatti, è stata portata questo pomeriggio all’attenzione dei dipendenti delle municipalizzate che, dopo gli interventi dei diversi rappresentanti sindacali e dopo un’accesa discussione, con gli animi che si sono agitati tra i presenti, sono andati al voto, esprimendo parere favorevole alla bozza presentata. E dando quindi mandato alle parti sociali di proseguire sulla strada intrapresa, per arrivare all’accordo definitivo che, come spiegato dal segretario della Cgil Alberto Manzini, si conta di portare a casa entro la fine del mese di gennaio.

«Perché i tempi stringono – ha spiegato – e non possiamo permetterci di perdere ulteriore tempo». Un accordo che servirà, di fatto, a traghettare lavoratori e servizi dall’attuale realtà delle municipalizzate alla NewCo Civitavecchia Servizi Pubblici. «Abbiamo fatto del nostro meglio – ha commentato Gennaro Gallo della Uiltrasporti – consapevoli che altrimenti non si sarebbe andati da nessuna parte». Perché l’obiettivo di tutti è quello di scongiurare il fallimento. Lo ha ribadito anche Flavio Zeppa dell’Usb. «Un accordo – ha aggiunto – che dovrà essere rispettato in ogni sua parte». 

I sindacati hanno illustrato il percorso tortuoso che ha portato alla firma dell’accordo di percorso, partito da una bozza giudicata irricevibile, emendata punto per punto proprio dalle parti sociali, fino ad arrivare a quanto sottoscritto dalle parti. «Ad oggi non sappiamo i contenuti del concordato – ha però ribadito Fabiana Attig dell’Ugl – oggi abbiamo dettato regole certe nel percorso, garantendo un criterio organizzativo equilibrato, a norma di legge, sventando qualsiasi tipo di eventuale privatizzazione». Certo, l’amministrazione comunale, Sindaco in primis ed assessore Savignani, con la loro assenza hanno perso l’occasione di confrontarsi con i lavoratori, spiegando loro nel dettaglio cosa è stato fatto e cosa si andrà a fare nel prossimo futuro. 

Chiarendo magari di persona anche la questione delle tredicesime che oggi rimane un giallo. «All’esito della riunione tenutasi questa mattina in tribunale si conferma che Hcs potrà procedere al pagamento delle tredicesime maturate nel semestre luglio dicembre 2016». Questo quanto confermato ieri mattina dal Pincio. «Hcs predisporrà apposita istanza agli organi della procedura – hanno aggiunto – per essere autorizzata al pagamento delle somme restanti». 
I tempi? Le modalità? Gli altri mesi? Rimangono tanti dubbi, anche perché ai lavoratori di Città Pulita, a differenza di quelli di Hcs, le tredicesime sono state corrisposte. «Una situazione inaccettabile – ha commentato Fabiana Attig – vogliamo vedere l’ordine del giudice, le motivazioni ed i termini giuridici. Stiamo parlando di una retribuzione fissa e continuativa e non capiamo il perché anche dei distinguo tra lavorati. Procederemo con un accesso agli atti e attiveremo tutte le azioni che sono di nostra competenza, fino ad arrivare anche al decreto ingiuntivo».

ULTIME NEWS