Pubblicato il

Sottopasso di Anguillara, Federico Ascani: "Persi dei mesi"

ANGUILLARA SABAZIA – Anche in consiglio metropolitano il gruppo ‘‘Città delle metropoli’’ si interessa al sottopasso di Anguillara Sabazia.
«Risale a fine maggio l’approvazione della deliberazione da parte del Consiglio Metropolitano con lo schema di convenzione tra la Città Metropolitana di Roma capitale, Rete Ferroviaria Italiana ( RFI ) ed il Comune di Anguillara Sabazia per la costruzione di un sottopasso sulla linea Roma – Viterbo. Un intervento che, ricordiamo, rientrerebbe tra l’altro nel piano nazionale per la soppressione dei passaggi a livello» – ricorda il capogruppo Federico Ascani. «La Convenzione approvata – continua il gruppo –  andava anche a regolamentare il complesso degli impegni assunti dalle parti per conseguire un importante interesse, quello della pubblica utilità. La progettazione del sottopasso era stata predisposta da RFI così come previsto da una precedente convenzione quadro, ed era stato già trasmesso alla Città Metropolitana il progetto esecutivo dell’opera per procedere con l’attività negoziale per l’affidamento dei lavori. Quindi detto sottopasso sarebbe già finanziato e cantierizzabile». «Adesso dobbiamo purtroppo di nuovo usare il condizionale- continua Federico Ascani, capogruppo de Le Città della Metropoli – nella precedente consiliatura insieme ai nostri tecnici ci siamo spesi per aggiornare il progetto e portalo quasi a compimento.  Adesso il Comune di Anguillara invia controdeduzioni tecniche e la richiesta dell’ennesimo tavolo tecnico.  Magari è anche possibile che occorrano aggiornamenti, ma è gravissimo che solo oggi si ponga il problema, ed intanto abbiamo perso altri sei mesi. L’ennesimo danno per un territorio che ha bisogno di queste opere per migliorare la sicurezza viaria ed il transito di una linea importante per i pendolari com’è la Roma – Viterbo. Già all’approvazione dell’atto il consigliere metropolitano grillino si astenne. Ancora una volta sono a dimostrare che quando governano preferiscono dire no piuttosto che assumersi una qualche responsabilità».

ULTIME NEWS