Pubblicato il

Hcs. Forza Italia: "Le dichiarazioni di Cozzolino sul concordato lasciano allibiti"

Hcs. Forza Italia: "Le dichiarazioni di Cozzolino sul concordato lasciano allibiti"

Durissima nota del coordinamento cittadino azzurro: "Per il Sindaco vale zero avere istanze di fallimento, pignoramenti, debiti con aziende locali che mettono a prepentaglio posti di lavoro ed economia del territorio. Non riusciamo a capire l'incoscienza dei consiglieri di maggioranza, che rischiano di far fronte personalmente a enormi richieste di danni"

CIVITAVECCHIA – “Leggiamo la nota del Sindaco su Hcs e restiamo allibiti. Chiedendoci, ancora una volta: ma Cozzolino vive veramente a Civitavecchia?”. Inizia così un durissimo intervento del coordinamento cittadino di Forza Italia, sulle dichiarazioni rilasciate dal Sindaco in merito all’accoglimento del concordato su Hcs da parte del Tribunale.
“Avere delle istanze di fallimento, non una ma diverse, compresi i pignoramenti verso terzi che hanno debiti con il Comune, avere con la maggior parte degli istituti di credito i conti correnti bloccati, avere con delle aziende (locali e non) debiti importanti che mettono a repentaglio posti di lavoro ed economia locale, per lui vale zero – prosegue il documento di Forza Italia – Parlare di concordato fallimentare, ammesso che i tutti  fornitori siano d’accordo, e già di per sé una sconfitta innanzitutto sociale e poi personale, non certo un obbiettivo di cui andar fieri.
Lei, sindaco, lo ha già dimostrato e ora lo conferma, ancora una volta, tragicamente: non ha nessun rispetto verso i deboli, in questo caso le persone che lavorano nelle aziende creditrici e che rischiano il posto di lavoro.
In tutto questo: ha spiegato ai suoi cittadini che nel 2017 dovranno subire un notevole aumento per la tassa dei rifiuti? Quella già record che oggi pagano? Glielo spiegheremo noi…
“Quello che non riusciamo a capire – concludono gli azzurri – è l’incoscienza dei consiglieri di maggioranza : non li smuove neanche il pericolo di dover far fronte personalmente alle enormi richieste di danni economici. Tralasciando la figuraccia di aver rovinato una città, rischiano di rovinare persino le loro famiglie. Ammesso, a questo punto, che abbiano qualcosa da perdere…”.

ULTIME NEWS