Pubblicato il

Fiumicino, altri 40 profughi

Fiumicino, altri 40 profughi

Sbarcati ieri all’aeroporto internazionale di Fiumicino attraverso un corridodio umanitario dal Libano

FIUMICINO – Altri 40 profughi sono arrivati ieri mattina all’’aeroporto di Fiumicino provenienti dal Libano attraverso i corridoi umanitari organizzati da Comunita’’ di Sant’’Egidio, Federazione delle Chiese evangeliche e Tavola valdese, in collaborazione con i ministeri degli Esteri e dell’’Interno. «Tra di loro- scrive Sant’’Egidio sul proprio sito internet- la famiglia Zaheda, separati 3 anni fa dalla guerra in Siria. Oggi di nuovo insieme a Roma».
«Con loro- scrivono ancora- sara’’ raggiunta la cifra di 540 persone venute in Italia dall’’inizio del progetto ecumenico, avviato il 15 dicembre 2015 dopo la firma di un accordo con i ministeri degli Esteri e dell’’Interno. Il piano prevede mille arrivi entro il 2017. E’’ un modello che funziona perche’’ coniuga umanita’’ e sicurezza». Quindi la riflessione: «mentre l’’Europa fatica a trovare soluzioni che coniughino umanita’’ e sicurezza dividendosi sulla sorte di migliaia di uomini e donne vittime dei trafficanti di esseri umani, i corridoi umanitari si dimostrano, con il passare del tempo, un modello che funziona. Frutto di una preziosa sinergia tra societa’’ civile e istituzioni, favoriscono l’’integrazione offrendo a chi fugge dalle guerre – ed e’’ in condizioni di particolare vulnerabilita’’ (famiglie con bambini, donne sole, anziani, malati, persone con disabilita’’) – di arrivare, in tutta sicurezza e legalmente, nel nostro continente.
Alcuni rifugiati, giunti nei mesi scorsi, saranno presenti a Fiumicino per accogliere i nuovi arrivati».

ULTIME NEWS