Pubblicato il

Civitavecchia: il bilancio è in pari

JUNIORES, ALLIEVI E GIOVANISSIMI

JUNIORES, ALLIEVI E GIOVANISSIMI

Al Tamagnini gli Juniores Elite del Civitavecchia Calcio 1920, diretti da mister Andrea Rocchetti, vengono sconfitti 2-0 dalla Nuova Tor Tre Teste in quello che era il big match della 19^ giornata. In palio c’era il terzo posto in classifica; adesso i nerazzurri si ritrovano in quinta posizione, scavalcati anche dal Tor Sapienza. Primo gol dei romani su calcio di punizione proprio allo scadere del primo tempo. Al rientro dopo la pausa, forcing dei nerazzurri che, nel loro momento migliore, subiscono un contropiede portato alla perfezione: tre passaggi smarcano il centravanti romano, lesto a depositare la sfera alle spalle di Paniccia. Espulso nel finale Cifoletti. Sabato prossimo altra gara impegnativa per i ragazzi di Rocchetti, che andranno a far visita all’Urbetevere. In campo per il Civitavecchia: Paniccia, Pietranera, Longhi, Cibelli, Ungaro, Ceccarelli, Fatarella, Cifoletti, De Logu, Iacomelli, Conforti, Massaro, Dibaribruno, Cerroni, Roviti, Gaudenzi, Monaldi. Partita giocata male dagli Allievi Regionali 2001 che cedono con il punteggio finale di 3-0 sul reggangolo della Petriana. «Salviamo solo il risultato, gioco, cattiveria e concentrazione non pervenuti contro una squadra che fino ad ora aveva subito 70 gol. Per la prossima speriamo di migliorare». In campo per il Civitavecchia Calcio: La Scala, Rovai, Vassalli, Santi, Caravani, Pernelli, Arilli, Terzini, Nistor, Sansolini, Gallina, Formisano, Mondelli, Cagnetta, Gravina, Esposito. Bella vittoria esterna per gli Allievi Elite del Civitavecchia Calcio 1920 che, impegnati sul rettangolo dei rivali del Rieti, s’impongono con il risultato di 2-1. A decidere la gara la doppietta messa a segno dal nerazzurro Birra. Pareggio che lascia l’amaro in bocca, quello ottenuto per 0-0 sul campo del San Paolo dai Giovanissimi Regionali 2003 del Civitavecchia Calcio, vista la supremazia mostrata dai nerazzurri per tutta la gara; soprattutto nel secondo tempo. Il risultato non si è sbloccato per tre grandi interventi del portiere avversario. Al 20’ della ripresa il San Paolo Ostiense fallisce un calcio di rigore, parato da Fioretti. La gara si conclude con gli avversari arroccati a difesa del risultato che non cambierà fino al triplice fischio. In campo per il Civitavecchia: Fioretti, Galimberti, Gagliardi, Moretti, Giordano, Fusco, Scarabotti, De Martino, Amato, Zagami, Liberati, Fastella, Iacomelli, Sudati, Mancini, Bonamano, Masini, Corona. Importantissima vittoria per i 2002 del team civitavecchiese contro i padroni di casa dello Sporting Tanas, espugnato dai nerazzurri con il risultato finale di 2-0. La formazione rivale si è rivelata una buona compagine, ben messa in campo, organizzata e ostica; che ha creato non pochi problemi ai giovani nerazzurri di mister Mazza. Per trovare il primo gol realizzato da Pietrobattista al 20’ del secondo tempo con un preciso diagonale da destra su assist di Luciani. A questo punto la gara si sblocca e bomber Luciani si scatena realizzando una splendida doppietta al 25’ e 28’ della ripresa il primo con un pallonetto morbido depositato alle spalle del portiere avversario; mentre il secondo, con azione personale supera in dribbling il portiere e deposita in rete a porta vuota. La gara si conclude con altre occasioni da gol sfiorate dai nerazzurri. Impattano invece i 2004 che, impeganti sul campo amico contro gli ospiti del Vis Aurelia, chiudono la gara sul punteggio finale di 1-1. Partita combattuta, ma giocata male dai nerazzurri che dopo aver sfiorato il vantaggio vanno sotto su azione di contropiede. Il primo tempo si chiude con il vantaggio degli ospiti. Secondo tempo giocato quasi sempre nella metà campo dei romani e il pareggio arriva al 17’ su calcio di rigore per fallo su Martini, trasformato da Feula. La squadra cerca di vincere fino all’ultimo ma in modo confusionario e la partita si conclude in parità. «Facciamo – spiega mister Gualtieri – un passo indietro rispetto al solito. Brutta partita giocata dai nostri con poca lucidità e poca concretezza. Ora ci aspettano due settimane di sosta per ricaricare le batterie».

ULTIME NEWS