Pubblicato il

Dehors, Confcommercio convinta: "Soluzione a portata di mano"

Dehors, Confcommercio convinta: "Soluzione a portata di mano"

CIVITAVECCHIA – La soluzione dehors potrebbe essere a portata di mano. Ne è convinto il commissario della Confcommercio Civitavecchia Tullio Nunzi; associazione che, ancora una volta, si mette a disposizione dell’amministrazione comunale per cercare di fornire un prezioso contributo che porti, finalmente, a risolvere il problema. Perché nel corso degli ultimi anni le conseguenze sono state piuttosto preoccupanti. E se non si sblocca la situazione le cose potrebbero peggiorare ancora. 
«Un nuovo regolamento per disciplinare la questione dehors non c’è, ma potrebbe esserci – ha spiegato Nunzi – e dopo il confronto avuto con un largo gruppo di esercenti locali, siamo ancora più convinti che la soluzione sia a ‘‘portata di mano’’. L’iter che l’Amministrazione comunale deve seguire è, a nostro avviso, semplice e chiaro: analizzare la proposta di Confcommercio – ha chiarito il commissario – condividerne l’impostazione con la Soprintendenza, così da anticipare eventuali eccezioni; coinvolgere rapidamente le Commissioni consiliari deputate, prima di formalizzare l’atto in Consiglio comunale per l’approvazione; sottoscrivere un accordo con la Sovrintendenza per l’ulteriore semplificazione nel rilascio dell’autorizzazione paesaggistica. Il tutto in attesa dell’adozione di un atto regolamentare di carattere nazionale che già di per sè semplicherà enormemente le attuali procedure amministrative. E che, quindi, rafforzerà il valore di un atto ben impostato». 
Secondo Nunzi, quindi, la strada potrebbe essere tutta in discesa oggi, grazie proprio ad una sinergia e collaborazione tra chi vuole regolamentare il settore e chi, per anni, ha subito le conseguenze di questo problema irrisolto. 
«Che Civitavecchia storicamente non sia mai stata una città abituata a prendere decisioni rapide è evidente – ha aggiunto il rappresentante della Confcommercio – altrettanto vero è che mai come oggi si sente l’irrefrenabile voglia di scrollarsi di dosso l’impressione che tutto sia complicato e immutabile. A questo punto, la ‘‘mano’’ che manca è quella dell’assessore Ceccarelli, al quale rinnoviamo la richiesta di incontrarci urgentemente per porre fine a questo capitolo apparentemente infinito di un film che non piace a nessuno. Non ci stancheremo mai di ripetere – ha concluso Nunzi – che i tempi della politica devono adeguarsi a quelli delle imprese. Non viceversa».

ULTIME NEWS