Pubblicato il

Il nuovo parco di venti ettari salva la natura ma imprigiona i residenti di Fregene

Il nuovo parco di venti ettari salva la natura ma imprigiona i residenti di Fregene

Fiumicino. La proposta. Rridisegnare la viabilità per consentire il deflusso delle auto

FREGENE – Il nuovo parco di 20 ettari di lecci è stato accolto con soddisfazione dal territorio, ma sta creando più di qualche problema,. La nuova viabilità, che impedisce l’accesso a strade fino “a ieri” percorse regolarmente, crea per alcune zone una sorta di prigione dalla quale resta difficile uscire. Soprattutto il lunedì, giorno di mercato settimanale, che per sua natura vede occupate altre strade che, insieme ai divieti ora esistenti, costituiscono un vero e proprio tappo alla viabilità. Della cosa se ne sono occupate le associazioni Confcommercio, Vivere Fregene e Comitato cittadino Fregene. “Abbiamo fatto dei sopralluoghi – spiega Angelo Giavara – e stiamo predisponendo una proposta da presentare all’Amministrazione comunale per superare il problema che si è venuto a creare. Intendiamoci, siamo favorevoli al Parco, che riteniamo un’ottima iniziativa, e siamo anche coscienti che i divieti d’accesso inseriti saranno ormai quelli, ma riteniamo che ci siano i margini per evitare che i gironi di mercato e soprattutto la prossima estate si possano creare ingorghi o peggio alcune zone possano restare isolate”. Lunedì il risultato di questi lavori sarà presentato ufficialmente all’assessore competente e al Comando dei vigili urbani.

ULTIME NEWS