Pubblicato il

''Patata bollente'', bufera su Libero. Feltri: "Stesso titolo per Ruby e nessuno disse niente"

‘Patata bollente’. Libero apre in prima pagina con un articolo a firma di Vittorio Feltri sulla sindaca di Roma Virginia Raggi e il titolo attira una valanga di critiche dagli utenti social, che accusano di sessismo il quotidiano. Da questa mattina sono in tantissimi infatti a esprimere solidarietà al primo cittadino romano su Twitter e Facebook, scagliandosi contro il giornale definito di post in post «imbarazzante», «vergognoso», «scandaloso», «discutibile», «becero» e «comico». Un’indignazione per una volta bipartisan, visto che accomuna non solo i sostenitori di Raggi, ma anche e soprattutto i suoi oppositori, che vedono nel titolo – e nell’articolo che parla di una sindaca «nell’occhio del ciclone per le sue vicende comunali e personali» – un’ulteriore sponda offerta ai grillini per attaccare la stampa e i cronisti. Unanime anche l’appello all’Ordine dei Giornalisti e al suo presidente Enzo Iacopino per chiedere di sanzionare in modo esemplare il giornale per l’ennesimo titolo provocatorio.

ULTIME NEWS