Pubblicato il

Pd Ladispoli: "Rispettiamo le scelte, anche i dietrofront"

LADISPOLI – È arrivata immediatamente la replica del partito democratico di Ladispoli ai gruppi di centro sinistra che nella giornata di lunedì hanno reso nota la loro intenzione di non seguire le linee tracciate dal Pd, ossia quelle delle primarie di coalizione.
«Le scelte si rispettano – ha dichiarato il Pd – anche quando si tratta di un dietrofront. Dietrofront rispetto al comunicato congiunto (PD – PSI – Sinistra Italiana – Indipendenti di Sinistra) del 1 febbraio che affermava: “Il percorso verso le primarie del 19 marzo prende forma. 
Nell’incontro di lunedì sera (30 gennaio ndr) si è ribadita con forza la volontà di porre al centro le donne, gli uomini, gli abitanti, i precari, il popolo dei diritti che guarda ad una nuova idea di cittadinanza. 
Mentre altri hanno scelto la strada di una candidatura a sindaco a prescindere, su questo versante si è scelto di percorrere il cammino delle primarie per valorizzare la richiesta di partecipazione che si avverte forte e necessaria nel nostro comprensorio’’».
«Percorso – specificano i democratici –  al quale ricordiamo – sempre per dovere di cronaca – si è aggiunta anche un’altra forza componente l’attuale maggioranza amministrativa di Palazzo Falcone (maggioranza comprendente anche ex SEL ora Indipendenti di Sinistra) e cioè Patto per Ladispoli. In merito alla visione di città tutto quanto espresso nel comunicato, al quale stiamo replicando, ricalca in definitiva il Documento Politico Programmatico del PD, unico partito, ci teniamo a precisare, che finora abbia delineato con tale documento una prospettiva nitida e pubblica attraverso i media e come strumento di confronto nelle consultazioni con le forze politiche e civiche».
«Le primarie sono un momento alto di partecipazione popolare per la scelta di colui/colei che poi dovrà tradurre in fatti, se eletto/a la piattaforma che accomuna una coalizione – ha continuato il partito democratico di Ladispoli nella nota – Scendere a primarie è anche un atto di coraggio per chi si mette in gioco perchè il risultato non è scontato e non ci sono arbitri di parte, i veri arbitri sono gli elettori e non c’è nulla di confuso o di artificioso nelle primarie che stiamo portando avanti nel rispetto del regolamento. 
Ci sono forze che vorrebbero le primarie ma non le hanno e se ne dolgono, nel centro sinistra ciò è possibile, si chiama partecipazione, “che si avverte forte e necessaria nel nostro comprensorio”, e democrazia».

ULTIME NEWS