Pubblicato il

"Vincoli idrogeologici, eliminare i rischi"

"Vincoli idrogeologici, eliminare i rischi"

Fiumicino. Velli: "Il problema ‘‘R4’’ riguarda tutti i cittadini". Il Movimento 5 Stelle caustico con il Comune: "Ancorato a interessi che non sono della comunità"

FIUMICINO – Nell’ incontro di Venerdi 10 febbraio organizzato dal MoVimento5Stelle Fiumicino sul nuovo Piano di Assetto Idrogeologico dell’ABTevere, con il coinvolgimento dei rappresentanti dei comitati locali, cittadini e tecnici del settore, sono stati messi in evidenza i punti fondamentali del Piano stesso e le azioni da compiere perché i Comuni possano cominciare a trarne i benefici previsti.
«In primo luogo – afferma un comunicato stampa del Movimento 5 stelle – è molto importante che tutti comprendano l’urgenza e l’indiscutibile necessita’ di avere un Piano che ci permetta di mettere in sicurezza il nostro territorio al piu’ presto. 
I danni di un’altra alluvione sono un prezzo che non possiamo permetterci di pagare, e non vogliamo assolutamente rischiare di dover piangere una tragedia mentre si cerca di trovare il solito colpevole fra mille polemiche e servizi TV.
Percio’ se gli amministratori locali restano ancorati a interessi che non corrispondono a quelli della comunita’ cittadina, il M5Stelle Fiumicino invece è deciso a mettere in atto sin da ora ogni possibile azione necessaria alla regolamentazione dello sviluppo edilizio ed alla mitigazione del rischio.
A tale proposito è importante capire che l’approvazione del PAI ha finalmente portato al riconoscimento del rischio per i territori interessati dei vari Comuni laziali, incluso il Comune di Fiumicino. 
Si tratta di una novita’ molto importante perché in questo modo si entra finalmente nella graduatoria degli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico della Regione Lazio, e si ha diritto ai finanziamenti Statali e Regionali, per la realizzazione delle opere stesse, a partire dal potenziamento delle idrovore di Isola Sacra.
In effetti si arriva così ad una “certificazione del rischio” che consente di avere accesso ai fondi sia per le opere preventive, che per avviare gli iter per il risarcimento dei danni in caso di disastro. Va detto che fino ad oggi non era previsto nulla per le alluvioni, infatti in occasione degli eventi degli anni scorsi gli aiuti sono stati pochi e limitati.
E’ molto importante che si comprenda che il problema dei cosiddetti R4, non riguarda solamente i residenti direttamente toccati dall’annosa questione delle licenze edilizie, ma è piuttosto un problema che riguarda l’intera comunità cittadina, considerato che nell’ultima alluvione i danni li hanno subiti tutti, indistintamente dal fatto che avessero terreni in R4 oppure no.
Pertanto abbiamo presentato un’Interrogazione in Regione Lazio per sapere se il fondamentale intervento di potenziamento delle idrovore di Isola Sacra, proposto dal Consorzio di Bonifica Tevere e Agro Romano, è stato inserito nell’elenco degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico del Lazio, e se il livello di priorità della realizzazione dell’opera è stato aumentato, considerata la certificata criticità idrogeologico del nostro territorio; inoltre abbiamo chiesto se l’ intervento di potenziamento delle idrovore è ancora in fase di programmazione oppure è gia’ passato al livello attuativo.
Inoltre e’ pronta anche una Mozione per chiedere al Sindaco Montino ed alla sua amministrazione di ricalcolare l’IMU e restituire ai cittadini interessati eventuali somme pagate in eccesso, secondo le delibere di giunta del 2009 che stabiliscono che “per i terreni che, a causa di vincoli esistenti o sopravvenuti, non permettano il conseguimento della licenza edilizia, la base imponibile per il calcolo IMU e’ il 20% del valore lordo del bene.”
Infine per quanto riguarda lo sviluppo edilizio futuro, i passi da compiere per mettere davvero in sicurezza tutto il territorio comunale sono:
1. Il potenziamento delle idrovore (da 3100 litri al secondo a 7000 litri al secondo), in modo da garantire la messa in sicurezza di tutto il territorio, allo stato attuale di edificazione., 
2. La realizzazione della futura urbanizzazione secondo il principio dell’invarianza idraulica, ossia la realizzazione da parte del costruttore (pubblico o privato) di vasche di laminazione che vadano ad azzerare l’impatto idrogeologico della nuova costruzione, lasciando così invariato il livello di rischio del territorio.
A tale proposito, si noti che in molti paesi del Nord Europa e in Australia, si realizzano gia’ da tempo aree verdi denominate Rain-Gardens, cioè giardini drenanti che assorbono e drenano l’afflusso di acque derivanti da eventi di piogge eccezionali, soluzione che per la morfologia territoriale di Fiumicino si presenta particolarmente adatta.
In conclusione siamo convinti che Fiumicino possa e debba svilupparsi, ma secondo canoni sostenibili, per mezzo di una amministrazione cosciente e consapevole della estrema fragilita’ del nostro territorio.
Purtroppo invece il Piano Regolatore Comunale, prevede per Isola Sacra un indistinto sviluppo edilizio pari a circa il 55% del suo territorio, senza che siano state definite in alcun modo le azioni di mitigazione indispensabili per garantire un’espansione sicura, in equilibrio con le criticità ambientali
Si tratta di una scelta davvero scellerata che portera’ senza nessun dubbio a conseguenze devastanti nel giro di pochi anni, sacrificando ancora una volta i cittadini per gli interessi di pochi costruttori.
Cio’ nonostante siamo profondamente convinti che i cittadini si siano finalmente resi conto di quale sia effettivamente la nostra realta’, grazie purtroppo anche ai tanti disastri ambientali che ogni giorno occupano le prime pagine dei notiziari, e pertanto dobbiamo essere assolutamente determinati a difendere il nostro territorio e la nostra comunita’ cittadina, procedendo secondo il cammino finalmente tracciato dal PAI. 
A tale scopo – conclude la nota dei penbtastellati – a breve faremo un nuovo incontro con i cittadini per chiarire i dubbi e illustrare le azioni che fino ad oggi abbiamo intrapreso».

“M5S, INCOMPETENTI SUL TEMA – «Per l’ennesima volta la consigliera Velli dimostra la sua incompetenza sul tema riguardante i vincoli apposti con il decreto 58 ma, soprattutto, l’incapacità di affrontare in maniera complessiva il problema. Sorvolando infatti sui giudizi che dà sull’operato dell’Amministrazione, anche se tengo a precisare che determinate affermazioni servono solo a qualificare le persone che le fanno, ricordo  alla consigliera che è stata proprio quest’Amministrazione a permettere il potenziamento dell’impianto idrovore e ad impedire la realizzazione di locali seminterrati laddove ci saranno delle abitazioni e soprattutto, in tutti i piani che si stanno approvando in conformità al piano regolatore, si sta prescrivendo già da anni il principio dell’invarianza idraulica.  Quindi la consigliera Velli arriva tardi. Anzi, i suoi suggeritori sono arrivati tardi. Dispiace che ci si occupi di determinati temi solo quando si viene imbeccati, con informazioni peraltro non corrette, mentre questa Amministrazione si occupa dei temi di questa Città da sempre, cercando di affrontarli e di dare delle soluzioni. 
Limitarsi solo a dire quali sono le problematiche non serve a nulla. A tal proposito il problema che noi evidenziamo come Comune di Fiumicino, è legato all’entità di questo vincolo. E lo facciamo non sulla base di una posizione ideologica, ma avendo agli atti uno studio effettuato da esperti e fatto proprio dalla Regione Lazio. È tutta qui la distanza che c’è tra noi e la decisione che è stata presa dal Comitato Tecnico dell’Autorità di Bacino. 
La veridicità di quanto diciamo è dimostrata dal fatto che la stessa Autorità di Bacino ha dichiarato, a volte anche ufficialmente, di non aver effettuato nessuno studio, se non ‘studi speditivi’, sul territorio di Isola Sacra. Per quanto riguarda l’interrogazione presentata dalla consigliera  Velli alla Regione Lazio la informiamo che siamo ancora nella prima fase autorizzativa del progetto  che, comunque, appare ad una prima analisi insufficiente rispetto  alla soluzione complessiva del problema.
Rispetto all’Imu informiamo la consigliera Velli, forse poco aggiornata tra  un’astensione e l’altra in consiglio comunale, che questa Amministrazione  dal primo giorno in cui si è insediata e negli  ultimi quattro bilanci di esercizio ha drasticamente ridotto, anno per anno, la tassazione applicata  sui terreni edificabili secondo le previsioni del PRG approvato ma non attuabili per le più svariate problematiche. A questo punto auspichiamo che la consigliera possa votare con noi la relativa proposta allegata al Bilancio 2017. Se non se ne fosse accorta le speculazioni sul nostro territorio sono finite almeno da qualche anno. Quello che a noi interessa è il libero esercizio di un diritto che centinaia di cittadini hanno avuto e non hanno chiesto.
Chissà, poi, se la consigliera Velli ha lo stesso atteggiamento che sta avendo nei confronti delle posizioni di questa Amministrazione sulla realizzazione dello stadio della Roma visto che il M5S, in un’area che ha gli stessi vincoli di Isola Sacra, si prepara ad avallare una variante al piano regolatore generale di Roma per centinaia di migliaia di metri cubi. Con la semplice differenza che qui a Fiumicino si vorrebbe proseguire semplicemente con l’attuazione del piano regolatore.
Infine, tornando al comunicato della consigliera Velli del 29 gennaio in cui mi accusa di avere un atteggiamento da talk show di quarto piano, la invito ad un confronto pubblico sul tema così saranno i cittadini a verificare la qualità del dibattito e degli interventi. Ma potrà partecipare? Spero solo che non abbia bisogno dell’autorizzazione di qualche entità ‘superiore’ per poter essere presente».

ULTIME NEWS