Pubblicato il

Stalli ancora vuoti, prosegue la protesta dei tassisti

FIUMICINO – Prosegue la protesta dei tassisti contro il maxiemendamento al decreto Milleproroghe considerato dai rappresentanti della categoria, ‘pro Uber’. Anche a Roma – cosi’ come a Milano, Torino, Napoli e in gran parte dell’Italia – per il quinto giorno consecutivo i conducenti hanno incrociato le braccia e sospeso il servizio, garantendo il trasporto per gli utenti disabili da e per gli ospedali. Stalli vuoti e passeggeri in inutile attesa, a stazione Termini e in tutte le principali stazioni della citta’. Intanto, saranno in migliaia OGGI ad arrivare a Roma in concomitanza con l’incontro i sindacati del settore e il ministro Delrio, previsto per le prime ore del pomeriggio. Durante l’incontro i rappresentanti sindacali chiederanno al titolare di Infrastrutture e Trasporti il ritiro dell’emendamento Lanzillotta. «Siamo fermamente contrari all’emendamento inserito al Milleproroghe che ha, ancora una volta, sospeso l’efficacia delle modifiche apportate nel 2009 alla legge 21/92, che dovevano servire a dare una stretta al fenomeno dell’abusivismo, ma che in realta’ non e’ mai avvenuta e dovremo riordinare al piu’ presto la legge in questo senso. Ma i 6 giorni consecutivi di fermo del servizio taxi sulle citta’ di Roma e Milano – afferma Loreno Bittarelli, Presidente Uri-Unione Radiotaxi Italiani – producono danni enormi alla nostra categoria, che saranno difficilmente reparabili in breve tempo».

ULTIME NEWS