Pubblicato il

Trecento figuranti e quattro carri in collina

Trecento figuranti e quattro carri in collina

Grande successo domenica per la sfilata di maschere per le vie di Tolfa. L’evento, promosso dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune, ha riscosso grande partecipazione. Tripudio di colori per bandiere in festa; creatività con i Lego; magia con l’incanto di Cenerentola; pace, amore e amicizia con gli hippie. Soddisfazione per gli organizzatori: Asda, Scout, balletto di Marilena Ravaioli e Disobey hip hop school

di ROMINA MOSCONI

 

TOLFA – Grande successo a Tolfa per la sfilata dei carri allegorici promossa dalla Pro loco con il patrocinio del Comune di Tolfa. Domenica pomeriggio dal Poggiarello a piazza Vittorio Veneto i 4 carri e gli oltre 300 figuranti hanno sfilato fra ali di folla regalando a tutti allegria.

In apertura del corteo il gruppo Asda in un tripudio di colori con svolazzanti ‘’Bandiere in festa’’, questo infatti era il titolo del carro allegorico proposto dall’associazione parrocchiale per quest’edizione 2017. In apertura la bandiera dell’Asda raffigurante il gabbiano Jonathan Livingstone; a seguire la Grecia rappresentata dalla bravissima piccola grande artista Aurora Morra che ha strabiliato tutti sui suoi trampoli; poi la bandiera dell’Europa con 12 stelle indossate da alcune mamme per simboleggiare l’armonia e l’unità tra i popoli. Le graziose ‘’Cucciole’’ insieme alle bambine del Centro Studi Danza di Letizia Costantini hanno, invece, presentato la Francia; a seguire la bandiera spagnola indossata dai ‘’Cuccioli’’; poi il tricolore, la bandiera dell’Italia; sui pattini le deliziose ragazze in rappresentanza del Brasile seguiti dai ragazzi in bici. A chiudere la bandiera del Vaticano che ha anticipato l’ospite d’eccezione: a sorpresa la presenza di Sua Santità papa Francesco sulla papamobile ben protetto dalla gendarmeria vaticana. «Ringraziamo a gran voce Aurora Morra – spiegano i responsabili del gruppo Asda – il Centro Studi Danza di Letizia Costantini per la preziosa collaborazione Valentina Panico per la realizzazione scenica e tutti i partecipanti attivi della sfilata. Il grazie più sentito alle famiglie che, anche in questa occasione, ci hanno sostenuto con grande pazienza e disponibilità».

Riuscitissimo come sempre, poi, il carro degli Scout Tolfa 1 che hanno rappresentato il mondo dei Lego: inventiva e creatività proprio come nel mondo dei fantastici Lego. Più di 130 maschere ad iniziare dai classici mattoncini Lego interpretati dai lupetti. Costruiti proprio dagli esploratori e dalle guide i ‘’Lego Super Eroi’’ ed infine i grandi che hanno saputo interpretare sogni e passioni. Non sono mancati i genitori che hanno realizzato il carro che era formato da enormi costruzioni e da un simpatico ‘’Lego Scout’’ si sono mascherati dei più svariati mestieri tutti in stile Lego. Il tutto realizzato con materiale semplice ed effetto stratosferico con ironia e allegria. I colori e le enormi teste hanno brillato sotto gli occhi di tantissimi spettatori e del sole che ha reso tutto più bello. «Desideriamo – spiega la Comunità Capi degli Scout – ringraziare tutti i ragazzi che hanno progettato e costruito le maschere e, soprattutto, i genitori per il grande contributo e auspicano, per il prossimo anno, di trovare un posto migliore per costruire un carro ancora più imponente».

A Tolfa domenica si è compiuta una magia grazie a Maria Eugenia Grassi insieme al Centro Artistico di Balletto di Marilena Ravaioli che hanno portato per le strade collinari l’incanto di Cenerentola. La scenografia del carro ha visto la trasformazione della zucca in carrozza a cura di Maria Eugenia Grassi, Elena e Francesco Mazzilli. Le impeccabili coreografie sulle musiche di Cinderella e Bibbidi Bobbidi Bu hanno fatto divertire i numerosissimi partecipanti: dalla principessa al principe, passando per la matrigna, le sorellastre, i due gemelli il gatto e il cane, la fata Smemorina, le Cenerentole povere. Protagonisti assoluti le tante piccole topoline che, durante la sfilata, hanno costruito piano piano il bellissimo abito di Cenerentola guarnendolo di nastri e fiocchi.

Tutto è stato perfetto: colori, luccichii, balli, classe, portamento, baciamani e non sono mancati i sorrisi e l’entusiasmo che da sempre contraddistinguono le giovani ballerine del Centro Artistico. «Un ringraziamento particolare – spiega la ballerina e coreografa, Marilena Ravaioli – alle mamme che oltre a cucire gli abiti hanno partecipato attivamente alla sfilata rappresentando le ‘’Dame’’ accompagnate dai ‘’Cavalieri’’ dell’associazione ‘’Etra’’. L’elogio più grande va a Maria Eugenia Grassi, ideatrice e coordinatrice della sfilata che con la sua brillante energia è riuscita a coinvolgere tutti».

Pace, amore universale, amicizia e fraternità: questi i valori e i messaggi trasmessi dalla ‘’Disobey Hip Hop School’’ di Alberto Galli. La scuola di hip hop tolfetana ha portato per le strade la magia e l’allegria del mondo hippie. L’allegro carro in puro stile dei figli dei fiori è stato realizzato da alcune mamme dell’Asd Disobey Hip Hop School «In particolare da Veronica, Cinzia, Federica, Antonella, Raffaella, Elisa, Francesca, Marina, Barbara Simona e la signora Sara Trucchia a cui va il nostro immenso grazie – spiega il noto ballerino e coreografo Alberto Galli – con il nostro carro abbiamo voluto rappresentare l’amore per la vita e la voglia di libertà. Un ringraziamento particolare va a Stefano Morra per aver messo a disposizione i propri mezzi per la realizzazione del carro. L’idea è nata per dare un messaggio di pace e di libertà con tanta voglia di divertimento e di dire stop ad ogni guerra. Un grazie agli organizzatori e a tutti i nostri meravigliosi allievi».

ULTIME NEWS