Pubblicato il

Minghella rassicura sulla rottamazione delle cartelle: c'è tempo fino a marzo

Minghella rassicura sulla rottamazione delle cartelle: c'è tempo fino a marzo

di GIAMPIERO BALDI

SANTA  MARINELLA – Sembra ormai una certezza, la promessa fatta dal delegato al bilancio Emanuele Minghella, di rottamare le cartelle inerenti il mancato pagamento delle tasse comunali, fortemente gonfiate da accise e interessi. Due settimane fa, Minghella e il responsabile del servizio tributi Cristina Peretti, avevano avuto un incontro per valutare la possibilità di attuare una delibera che consentisse ai residenti di ottenere una sorta di sconto sulle cartelle esattoriali. La proposta era stata avanzata dal direttore del blog “Il Provinciale” Cristiano Degni, che sottolineava che il provvedimento derivava dall’applicazione di una legge dello Stato che prevedeva la definizione agevolata dei rapporti di debito che i cittadini avevano con Equitalia e che successivamente diverse  amministrazioni comunali avevano fatto proprie sottraendole alla riscossione coattiva dell’agenzia nazionale, per affidarle a società private. Ovviamente, ciò creava una disparità tra cittadini raggiunti dalle cartelle di Equitalia che avrebbero risparmiato significativamente sui loro debiti, ed altri invece che avrebbero dovuto pagare per intero. I termini per aderire alla procedura, erano scaduti il 1° febbraio scorso e la decisione del Comune di aderire a questa opportunità  era stata presa successivamente. “Nessun problema – assicura Minghella – perché l’agevolazione è stata prorogata con un decreto Legge del 9 febbraio scorso, consentendo di riaprire i termini fino al 31 marzo”.

“Noi abbiamo quasi definito la questione – dice Minghella – anche perché la cosa riguarda le cartelle di Equitalia trasferite ai Comuni interessate da un procedimento ingiuntivo e non al semplice sollecito. Se faremo questa agevolazione, i cittadini, potranno pagare le tasse evase ma decurtate il 70 per cento delle maggiorazioni previste. La Responsabile del Servizio ha predisposto la delibera, che ora è al vaglio dei revisori dei conti. Una volta accettata, la proporrò al primo consiglio comunale. Da parte mia c’è tutta la volontà di portare avanti la delibera che avrebbe un’applicabilità continuativa nel tempo. Certo che se procederemo alla rottamazione delle maggiorazioni il Comune avrebbe delle mancate entrate, ma a me poco interessa perché preferisco agevolare i cittadini in difficoltà”.

ULTIME NEWS