Pubblicato il

Carenza d'organico: il problema investe anche la Procura

Carenza d'organico: il problema investe anche la Procura

CIVITAVECCHIA – Nel silenzio assordante dei sindaci dei comuni interessati e della politica del territorio, a vari livelli, non si spengono i riflettori sui problemi della giustizia cittadina. Perché se il Tribunale non gode di ottima salute, altrettanto accade anche in Procura. Anche qui l’organico è ridotto all’osso. Lo  ha confermato il procuratore capo Andrea Vardaro.

“La situazione è piuttosto grave soprattutto per quel che riguarda il personale amministrativo – ha spiegato – siamo sotto organico del 20-25% rispetto alla pianta ufficiale. Siamo carenti soprattutto nelle qualifiche più alte: manca il dirigente amministrativo e sono pochissimi i funzionari presenti”. Ridotti anche gli assistenti dei magistrati: impossibile al momento garantirne uno per ogni togato. E così l’idea è quella di istituire, già dalla prossima settimana, una segreteria centralizzata, con due assistenti ogni tre pubblici ministeri, per cercare di ovviare, almeno in parte, al problema.

“Ultimamente sono stati inseriti in organico sei dipendenti ex Croce Rossa – ha aggiunto – si tratta di personale su cui, al momento, si può fare poco affidamento, perché ha bisogno della necessaria formazione. Contiamo in un loro normale apporto nell’arco di un anno, un anno e mezzo”. Sette su otto invece i magistrati, con un Mot (magistrato tirocinante) che potrebbe ssere assegnato ad ottobre. Ma il numero, sicuramente, non è comunque adeguato alle competenze del Palazzo di Giustizia.

ULTIME NEWS