Pubblicato il

Autovelox, raffica di cartelle pazze

Autovelox, raffica di cartelle pazze

Fiumicino. Sotto accusa le due postazioni installate su via dell’Aeroporto. Aurigemma e Zaccaria: "Dopo anni tornano multe già pagate"

FIUMICINO – «Sono numerose le segnalazioni dei cittadini che lamentano di aver ricevuto cartelle esattoriali per multe già pagate.
 Nello specifico, parliamo degli automobilisti che percorrono quotidianamente Via dell’aeroporto di Fiumicino in direzione Roma e viceversa (dove sono posizionati 2 autovelox)». Lo dichiarano il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma e l’ex consigliere del municipio X Luigi Zaccaria.
«Sono molti gli episodi di utenti che, dopo aver già pagato una sanzione, si vedono – loro malgrado – recapitare  dopo anni  la stessa sanzione come  cartella esattoriale, a volte anche di entità triplicata, da parte di Fiumicino Tributi o Agenzia delle Entrate. Molte di queste, appunto, erano richieste di somme non dovute visto che i cittadini già avevano sanato la loro situazione. Noi riteniamo che i cittadini debbano pagare se violano il codice della strada, ma non possono ricevere «cartelle pazze», peraltro – a quanto ci dicono – dal contenuto non sempre chiaro. 
Quindi, auspichiamo che tale vicenda venga risolta e non si verifichi più. Nel caso dovessero persistere questi disagi, valuteremo anche la possibilità di coinvolgere il garante dei Consumatori poiché non vorremmo assolutamente che venga fatta cassa sulla pelle dei cittadini. 
Inoltre, tali episodi non dovrebbero ripetersi poiché molte volte si crea, soprattutto nelle persone piu anziane, una sorta di «terrorismo sanzionatorio»,  quindi appena ricevono una multa preferiscono pagare e chiudere la pratica, anche se questi importi non erano realmente dovuti. E tutto ciò è inammissibile».

ULTIME NEWS